Anche Huawei si allinea agli smartphone con display secondario

Un brevetto scoperto in rete mostra uno smartphone Huawei dotato di display secondario. Si tratta di una soluzione già vista su analoghi progetti griffati Xiaomi e Oppo.

smartphone Huawei display secondario
I render dello smartphone Huawei con display secondario (Fonte: HoiINDI)

Dopo Xiaomi e Oppo, tocca stavolta a Huawei tirar fuori un brevetto avente ad oggetto un particolare smartphone impreziosito da uno schermo aggiuntivo sul retro. Una sorta di nuovo corso dei dispositivi mobili, se vogliamo, complice la divulgazione di terminali caratterizzati da una siffatta peculiarità distintiva. Il meccanismo di funzionamento è d’altronde il medesimo ed è descritto a contorno della licenza depositata in queste ore dal gigante di Shenzhen: il display secondario – incastonato nel gruppo fotocamere – permetterà all’utente di visualizzare varie informazioni, tra cui ora, data, previsioni del tempo, durata della batteria residua e principali notifiche delle app. L’obiettivo principale è però un altro: lo schermo (stante anche la sua ridotta ampiezza) fungerà da vero e proprio mirino per scattare selfie di qualità grazie alle potenzialità della fotocamera principale dello smartphone.

Non sappiamo ancora quali saranno le strategie commerciali di Huawei ma è da escludere che tale dispositivo possa corrispondere ad una versione della gamma P50 attesa forse ad aprile. Si tratta in fondo di un brevetto, segno evidente di una idea che dovrà essere tradotta su carta, ma soprattutto affinata con i necessari accorgimenti software in grado di render utile il secondo display. Potremmo comunque aspettarci novità importanti nell’ultima parte del 2021, allorquando Huawei ufficializzerà un rinnovato modello appartenente alla linea Mate, spesso e volentieri foriera di novità distintive e particolari.

Il brevetto odierno conferma comunque l’appartenenza dello smartphone al segmento top di gamma, come suggellato dal comparto fotografico che condensa ben quattro sensori, di cui uno periscopico per lo zoom di alta qualità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei P50, fotografie super grazie al sensore Sony IMX800

La gamma Huawei P50 arriverà il 17 aprile

smartphone Huawei brevetto
HarmonyOS (AdobeStock)

Staremo a vedere, ma nel frattempo l’attenzione sembra rivolta al 17 aprile prossimo, data nella quale Huawei dovrebbe presentare la sua nuova linea di flagship (P50, P50 Pro e P50 Pro+) e un tablet. Fonti provenienti dalla catena di approvvigionamento hanno confermato che la disponibilità dei prossimi smartphone sarà limitata, elemento per inciso addebitabile forse alla poca disponibilità di processori Kirin 9000, in predicato di esser utilizzati sui nuovi prodotti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei AppGallery corre veloce: numeri in crescita e novità estetiche

Meno incerta è invece la questione relativa al software, con HarmonyOS e AppGallery pronti a rimpinguare la gamma Huawei P50. E chissà che quest’ultima non possa far da apripista ad una nuova primavera per il gigante di Shenzhen, intenzionato a riprendere il cammino dopo il pesante ban inflitto dall’amministrazione Trump.