Serie A, uno scudetto in streaming. Ma quanto costerà l’abbonamento a DAZN? Non poco

Il trionfo al fotofinish di DAZN nella corsa a ostacoli ai diritti tv della prossima Serie A (triennio 2021-2024) segna una doppia e storica svolta. Dopo 18 anni il massimo campionato nostrano di calcio non è più nelle mani di SKY che, al netto di possibili futuri accordi, potrà al massimo prendersi il secondo pacchetto (due), quelle delle tre partite in co-esclusiva a giornata. Si entra, inoltre, nell’era dello scudetto in streaming, senza più un decoder, ma semplicemente con un’applicazione.

Serie A, vince DAZN (Adobe Stock)
Serie A, vince DAZN (Adobe Stock)

L’assegnazione dei diritti tv ha visto convergere i voti di 16 associate, ritrovando un consenso che era mancato nelle precedenti assemblee, su una proposta che ancora una volta porta la Lega Serie A all’avanguardia nel panorama mondiale delle grandi Leghe sportive”. Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A inaugura la nuova era del calcio in streaming.

Serie A, con DAZN uno scudetto in streaming. “Volano per tutto il Paese”

Serie A, scudetto in streaming (Adobe Stock)
Serie A, scudetto in streaming (Adobe Stock)

Riteniamo che la proposta possa anche avere una valenza sistemica per il Paese intero, costituendo un volano importante per accelerare il processo di digitalizzazione, come auspicato a gran voce dal Governo anche in questi giorni“.

LEGGI ANCHE >>> Cassa Digitale, il vecchio registratore ha le ore contate

Ora le domande sorgono spontanee, però, terminati i festeggiamenti, DAZN avrà il potere di trasmettere la Serie A e la responsabilità di farlo adeguatamente. Ci riuscirà? Cosa comporterà per gli utenti questa svolta epocale? Quanto costerà l’abbonamento?

LEGGI ANCHE >>> Virus Android spacciato per aggiornamento di sistema: occhio all’avviso

La Serie A tutta in streaming significa che lo spettacolo del calcio sarà a portata di smartphone, tv, computer, tablet e anche console da gioco: serve una connessione all’altezza della situazione, minimo 8 megabit senza blocchi o ritardi. L’abbonamento sarà valido fino a 6 dispositivi, massimo due collegati per lo stesso evento.

Il punto focale, adesso, si sposta sui consumatori, molti dei quali devono pensare alle proprie tasche, visto che SKY ha la Champions (in co-esclusiva con Amazon, che ha 16 partite del mercoledì in esclusiva su Prime Video), l’Europa e la Conference League, ma la Serie A è tutta su DAZN. Considerando anche il fatto che a giugno il canale 209 di SKY non avrà più DAZN.

L’abbonamento a DAZN (per cui non è previsto l’acquisto di gare singole) dovrebbe oscillare, secondo indiscrezioni, fra i 30 e i 35 euro al mese. Non poco. Per niente, di questi periodi e con altri abbonamenti al calcio da fare. Il prezzo, comunque verrà stabilito entro la fine del campionato in corso. D’altronde la rivoluzione è appena cominciata.