Popcorn Time chiude: addio all’app pirata alternativa a Netflix

Popcorn Time chiude ufficialmente i battenti a causa della scarsa popolarità acquisita negli ultimi anni. L’app aveva attirato con sé le critiche dell’industria cinematografica perché facilitava la ricerca di film e serie TV illegali

Popcorn Time chiude
Popcorn TIme chiude ufficialmente (Screenshot Popcorn Time)

L’immagine che campeggia nell’apertura del sito web di Popcorn Time e riportata qui sopra vale più di qualsiasi parola di accompagnamento: si tratta di un grafico dei dati di Google Trends che mostra lo scarso interesse degli utenti verso l’app pirata alternativa a Netflix, rappresentato nel caso di specie dalle pochissime ricerche della keyword “popcorn time” sui principali motori web nella forbice temporale tra agosto 2015 e gennaio 2022. Perché continuare quindi ad alimentare un progetto che aveva di celebre solamente la sua storia?

Il responsabile del progetto ha perciò preso atto che Popcorn Time non attirava più gli utenti e assunto una decisione forte ma corretta: chiudere ufficialmente i battenti. Eppure l’app aveva guadagnato fino a qualche anno fa dei momenti di popolarità a tal punto da fare arrabbiare anche Netflix.

LEGGI ANCHE>>>Amazon e Fiat vogliono rivoluzionare l’esperienza di guida: siglato l’accordo

Popcorn Time, un progetto open-source

Popcorn Time chiude
Popcorn (Unsplash)

Popcorn Time è nata nel 2014 e sin da subito si era configurata come un servizio che permetteva di reperire film e serie TV illegali, in barba alle norme sul diritto d’autore. I creatori abbandonarono il progetto poco tempo dopo, ma il suo nome continuò comunque a riecheggiare (seppure per poco) sul web. L’app era infatti open-source e altri sviluppatori la tennero in vita attraverso la spinta di nuove versioni, affermando che il servizio non era responsabile della pirateria ma si limitava a riportare un link ai computer di tutto il mondo che ospitavano i contenuti piratati tramite il sistema di condivisione di file BitTorrent. Come dire, sono altri ad esser causa della pirateria, non Popcorn Time.

LEGGI ANCHE>>>Perché Galaxy S21 FE può essere un ottimo acquisto al giusto prezzo

La chiusura di Popcorn Time non toglie ovviamente il problema della pirateria, un fenomeno ancora in auge (con picchi soprattutto durante il lockdown, quando molti film sono passati direttamente sul digitale complice la chiusura delle sale cinematografiche) ma contrastato con decisione dalle autorità. La strada purtroppo è ancora lunga e in salita.