Modalità scura Google in arrivo su desktop? Ci sono i primi test

La modalità scura di Google potrebbe presto arrivare anche su desktop. Sono infatti partiti i primi test a riguardo

Sempre più siti web ed applicazioni stanno implementando la modalità scura alle proprie interfacce. Più elegante, consuma meno batteria ed è più “salutare” per la vista: sono tanti i vantaggi che i colori scuri offrono agli utenti. Anche il motore di ricerca di Google ha da tempo implementato questa funzione sia su Android che su iOS, ma non in modalità desktop.

Ed è proprio questo il progetto che ora ha in mente il colosso di Mountain View. Gli sviluppatori stanno infatti conducendo i primi test A/B, al fine di preparare al meglio la nuova modalità e lanciarla a livello globale il prima possibile. Lo sfondo bianco dovrebbe passare ad un grigio scuro, identico a quello per app mobile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> App Messaggi su iOS 14, segnalato nuovo bug: molti utenti colpiti

Modalità scura Google, i dettagli del progetto

Sono già partiti i primi test A/B da parte degli sviluppatori, e presto il progetto potrebbe diventare realtà: stiamo parlando della modalità scura di Google anche su desktop. Come già detto, lo sfondo bianco diventerà grigio scuro, con una tonalità che ricorda molto quella su mobile. Per quanto riguarda il logo, diventerà tutto bianco. Invertito il contorno grigio che si trova in prossimità del campo di ricerca, così come le icone dei diversi filtri (immagini, notizie ecc.) che diventeranno blu.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> WhatsApp Web pronto l’aggiornamento, nuove funzionalità in arrivo

Una volta aver avviato la ricerca, ci saranno alcuni cambiamenti anche nella pagina successiva. Il testo nero della modalità chiara diventerà grigio, mentre per i vari collegamenti verrà implementata una tonalità di blu differente. Si tratterà ovviamente di una possibilità aggiuntiva, ma gli utenti potranno liberamente continuare ad utilizzare la colorazione più chiara del noto motore di ricerca.

google modalità scura
Sono partiti i primi test (Pixabay)