Google Maps, migliorare Street View col proprio smartphone: ora si può

Google Maps, scoperta nuova funzione che permette agli utenti di migliorare il servizio di navigazione col proprio smartphone

L’app di navigazione numero uno al mondo è senza dubbio Google Maps. Il colosso di Mountain View ha reso – nel corso degli anni – il suo servizio sempre più efficiente, grazie a indicazioni precise ed una miriade di funzionalità diverse a disposizione degli utenti. Ormai praticamente chiunque ha utilizzato l’app almeno una volta, che sia per ottenere indicazioni su come raggiungere un posto o per ricevere informazioni aggiuntive su un determinato locale.

Uno degli strumenti più apprezzati che Big G mette a disposizione è Street View, “omino arancione” che permette di avere una panoramica reale sul posto che si sta monitorando, con la possibilità di spostarsi tra le strade di tutto il mondo. Ci sono alcune zone non ancora inserite nel servizio, ma grazie ad una nuova funzionalità per smartphone anche questa mancanza non sarà più un peso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lotteria degli Scontrini, come partecipare e premi: quello che c’è da sapere

Google Maps, come migliorare Street View da smartphone

google maps
Come migliorare Street View col proprio smartphone (AdobeStock)

Grazie ad una nuova funzionalità per smartphone, saranno gli utenti stessi a migliorare Street View. Lo strumento di Google Maps si aggiorna ancora, e passa la palla a chi effettivamente utilizza il servizio per spostarsi quotidianamente. Per sfruttare al meglio la novità, vi basterà scattare una serie di foto collegate ad una decina di metri l’una dall’altra, mentre ci si sposta nella strada che si vuole inserire su Street View. Fino ad oggi, per implementare il servizio bisognava avere una fotocamera a 360 gradi da montare sul tettuccio dell’auto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Play Store, ancora sono presenti app pericolose

Ora invece ogni utente potrà rendersi utile, semplicemente utilizzando il proprio smartphone. La tecnologia utilizzata dalla fotocamera sarà l’ARCore e, una volta che le foto saranno caricate sui server di Google Maps, sarà il software stesso ad occuparsi di tutti i dettagli tecnici.