Amazon Prime Day potrebbe essere anticipato: la data

Amazon Prime Day è una di quelle iniziative che coloro che sono iscritti all’e-commerce aspettano con ansia. E ora c’è la data.

Amazon Prime Day
Amazon Prime Day 2021 nuova data (screenshot via Amazon)

Amazon continua a distruggere la concorrenza, fornendo un servizio che è sempre di primissima qualità. Il numero di persone che sono iscritte alla piattaforma è in netta crescita, così anche come coloro che vi lavorano. Parliamo di una multinazionale che ha sempre cercato di ingrandire il suo giro di affari, ampliandosi e fagocitando tutto quello che poteva col passare degli anni. E ora per le strade, mentre scriviamo questo pezzi, migliaia di camion di Amazon stanno andando ovunque per consegnare dei pacchi. Magari anche proprio verso casa tua, che attendi con impazienza il tuo rodine. Ebbene uno dei momenti che meglio rappresenta l’amore e quasi l’assuefazione che in tanti hanno con Amazon è senza dubbio il Prime Day.

LEGGI ANCHE >>> Galaxy S22, la firma di Olympus per fotocamere super?

Amazon Prime Day 2021, nuova data per l’evento

Amazon
Amazon

Il Prime Day Amazon è un piccolo periodo molto particolare che regala sconti veramente importanti a tutti coloro che sono iscritti alla piattaforma non aspettano praticamente altro. Ebbene ora potrebbe esserci un cambiamento davvero importante per quanto concerne il Prime Day Amazon del 2021, dato che si parla di qualcosa di molto interessante ovvero la possibilità che l’evento venga anticipato. E anche di parecchio. Infatti secondo le ultime notizie riportate da Recode, quest’anno potremmo avere il Prime Day molto prima del solito e soprattutto molto prima dell’anno scorso.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp raddoppia? Come usare il messenger su due smartphone

Nel 2020, infatti, l’evento di Amazon accadde in ottobre, a ridosso di Black Friday e poi del Natale. Ebbene quest’anno potremo tornare ad avere un Amazon Prime Day estremamente più caldo, più caldo del normale. Infatti si parla di giugno, e non più luglio come d sempre accadeva negli scorsi anni, con l’eccezione dell’autunno dell’anno scorso. Il motivo? L’andamento del titolo e i rapporti trimestrali che la dirigenza deve produrre, con la necessità di gestire meglio i guadagni e i ricavi sul lungo periodo.