Xiaomi, tutto quello che può succedere su Mi 11

Xiaomi
Xiaomi

Xiaomi, dopo le ultime presentazioni, si mette all’opera pronta per presentare una nuova generazione di smartphone. Mi 10 e Mi 10 Pro aprono la strada ad un orizzonte innovativo

Xiaomi potrebbe presentare prima della conclusione dell’anno il nuovo Mi Note 11, un dispositivo top di gamma ma accessibile senza troppe difficoltà. Non si parla di rumors e leak, ma di ipotesi considerando il mercato attuale che ha occupato.

Sicuramente la prima idea che salta in mente è quella di vedere 3 modelli del Mi 11 quale Lite, standard e Pro. I modelli precedenti possono permettere di farsi un’idea di un probabile futuro non troppo lontano.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Xiaomi brevetta smartphone pieghevole con doppio scorrimento

Xiaomi, il futuro si chiama Mi 11?

Xiaomi
Xiaomi il futuro è Mi 11 (screenshot YouTube)

Prendendo in esame gli attuali modelli lanciati sul mercato quali Mi 10 e Mi 9, si vede la loro presentazione nel mese di marzo in Italia nei relativi anni di uscita. Detto questo si può presumere che per il nuovo progetto, l’azienda cinese, adotti lo stesso sistema.

Se l’obiettivo è quello di competere con i leader del settore, il futuro deve essere ridimensionato nel prezzo oppure introdurre funzionalità veramente innovative.

Entrando nello specifico, il Mi 10 Pro, è superiore allo standard non presentando teleobiettivo e sensori di profondità di bassa qualità. Per questo il nuovo smartphone deve comprenderli entrambi ma in versione altamente evolute come qualsiasi altro dispositivo di fascia alta.

L’interfaccia Android MIUI non è proprio il massimo. L’utente non ha un reale utilizzo di molte app già presenti, che deve disinstallare per risparmiare dello spazio in memoria.

Inoltre, la scansione dei malware, avviene bloccando le funzionalità dello smartphone senza poter fare diversamente. Una vera innovazione potrebbe essere quella di permettere ciò in background.

Parlando di quante volte il display, il Mi 10 si aggira attorno a 90 Hz. Questo significa che si aggiorna 90 volte al secondo. Tuttavia se l’azienda cinese opta per il mercato premium, deve iniziare a prendere in considerazione i 120 Hz.

In ultima battuta gli altoparlanti che, rispetto alla concorrenza, sono di gran lunga migliori hanno una posizione che ne preclude il perfetto effetto sonoro coprendolo con le mani.

In definitiva, questi potrebbero essere i fronti sui quali il Mi 11 può alzare il tiro fino alla fascia premium del mercato.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Diletta Leotta mostra il nuovo Xiaomi Mi 10T PRO – FOTO