WhatsApp, occhio al video hacker “India sta facendo”: si tratta di una bufala

Nelle ultime ore, sta girando su Facebook un avviso relativo ad un presunto video hacker su WhatsApp chiamato “India sta facendo”. Si tratta di una bufala

whatsapp 20220106 cellulari.it
Sta girando su Facebook una fake news legata ad un video hacker di WhatsApp (Adobe Stock)

Il 2022 è iniziato solamente da qualche giorno, ma è già tempo di parlare di minacce hacker e possibili malware pericolosi per i nostri dispositivi. Stando alle tantissime segnalazioni arrivate nelle ultime ore, pare che su WhatsApp stia girando un video chiamato “India sta facendo“. Apparentemente si tratterebbe di un malware che hackera il device in appena 10 secondi.

Ma in realtà non è così, anzi. Si tratta di una bufala, che sta girando in sole catena di Sant’Antonio. Il tutto è partito da Facebook, dove diversi utenti hanno iniziato a far circolare la notizia mettendo in allerta i propri contatti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Digitale Terrestre, cambiano definitivamente le frequenze: date e regioni interessate

WhatsApp, la verità dietro al presunto video hacker

whatsapp 20220106 cellulari.it
Si tratta in realtà di una fake news dalla quale diffidare (Adobe Stock)

Se anche a voi è arrivata la notizia su Facebook e temete per il vostro device, non temete: il video hacker “India sta facendo” su WhatsApp è una fake news in piena regola. “Inizieranno a far circolare un contenuto che mostra come la curva Covid19 si stia appiattendo in India. Non aprire e non vedere il file, in quanto hackera il tuo telefono in 10 secondi e non può essere fermato in alcun modo. Condividi l’informazione ad amici e familiari. Ora l’hanno detto anche al telegiornale” si legge nell’avviso che gira sui social, ma ovviamente si tratta di una bufala.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Super novità per gli smart TV di Samsung: arriva il nuovo Gaming Hub

Potete dunque stare più che tranquilli, in quanto non esiste alcun video con questi “poteri”. Il consiglio che vi diamo è innanzitutto quello di non diffondere la notizia nel caso doveste averla ricevuta. E più in generale, diffidate da eventuali messaggi ricevuti da contatti che non conoscete, in quanto spesso potrebbe trattarsi di truffe in piena regola. Oppure di catene di Sant’Antonio, come in questo caso.