Whatsapp ti aiuta a scoprire con quale nome sei salvato nella rubrica degli altri

WhatsApp e il tuo nome nella rubrica altrui: ecco come puoi scoprire il profilo con cui sei registrato nello smartphone dei tuoi contatti. Stessa procedura per Telegram.

Whatsapp nome
Come scoprire il tuo nick sui contatti di un altro smartphone (image from twitter.com/whatsapp)

Vi capita di notare che i vostri amici vi abbiano registrato con un vecchio soprannome o un diminutivo sul loro cellulare? O magari che un conoscente con cui avete contatti sporadici abbia magari usato il vostro vero nome, ma anche aggiunto un elemento che gli permetta di ricordarsi chi siete? Insomma, non sempre usiamo nome e cognome per registrare i nuovi profili sul nostro smartphone. Se siete curiosi di sapere qual è il vostro nick sulla rubrica degli altri, delle chat come WhatsApp oppure Telegram possono aiutarvi.

Non basta trovarvi in un gruppo comune. Infatti, se andate nelle informazioni relative alla chat troverete solo il nome con cui gli stessi partecipanti hanno registrato il proprio profilo. Verosimilmente, quindi, il loro nome e cognome, a meno che non abbiano preferito identificarsi con un nick associato ad altri profili, forse quello usato su un indirizzo email associato alla app o sui social network più frequentati.

WhatsApp o Telegram, stessa procedura: ecco come scoprire con che nome vi hanno registrato i vostri amici

Ma niente più di questo, nessuna informazione su come siate stati registrati nelle rubriche altrui. Lo stesso capita se qualcuno all’interno del gruppo copia un vostro messaggio o vi invia un messaggio con notifica personale: nel primo caso il messaggio sarà contrassegnato come “tu”, nel secondo il simbolo @ sarà associato ancora una volta all’identificativo creato da voi.

TI POTREBBE INTERESSARE>>>Telegram esponeva le chat segrete alla lettura: rilevata pericolosa falla

Per vedere come gli altri vi abbiano inserito nella loro rubrica, dovrete chiedergli di inviarvi il vostro contatto. Si tratta di un escamotage abbastanza intuitivo: in fin dei conti, ci stanno inviando un pezzettino della loro rubrica ed è perfettamente logico che sia uguale all’originale.

DAI UN’OCCHIATA ANCHE A—>Carte di credito del futuro: TikTok e il Covid-19 ne cambiano la forma

La funzione è identica sia su WhatsApp che su Telegram e il procedimento semplicissimo, anche se bisogna scomodare il titolare dello smartphone che vogliamo indagare. La via più macchinosa è chiedergli di aprire il vostro nome sull’header della chat, quindi il menù (i tre puntini) sull’immagine del vostro contatto, dove potrà finalmente selezionare l’opzione “condividi” su Whatsapp e “condividi contatto” su Telegram, scegliendo voi stesso come destinatario della condivisione. Molto più veloce sarebbe farsi allegare la propria scheda a un messaggio:  per fare ciò, il nostro amico/conoscente dovrà solo selezionare l’icona graffetta all’interno del campo di scrittura, scegliere contatto, risalire alla nostra scheda e includerla nel messaggio. Il nome della scheda sarà appunto quello con cui siamo registrati sulla sua rubrica.