Whatsapp, grande novità: arriva la traduzione automatica

Grande novità per la versione Android di Whatsapp che si arricchisce della traduzione automatica: scopriamo di più sulla nuova funzione

whatsapp traduzione automatica
Whatsapp, arriva la traduzione automatica (Pixabay)

Il traduttore di Google è tra le applicazioni più scaricate sugli smartphone, ma ora sta per diventare anche parte integrante di Whatsapp.

Sull’iPhone in genere è possibile attivare la traduzione offline grazie al download delle lingue. Su Android, invece, è stata inserita una funzione che rende il traduttore utilizzabile su tutte le app. Praticamente, sui dispositivi con sistema Android superiore a 4.2, si potranno ottenere traduzioni istantanee.

Dato che su Chrome è possibile visualizzare le pagine web tradotte, tale sistema diventa importante per applicazioni di chat come, appunto, Whatsapp ma anche Messenger ed Instagram.

POTREBBE INTERESSARTI-> Facebook “bisticcia” con Apple: Zuckerberg attacca Cook

Whatsapp, come attivare Google Traduttore per usarlo sull’app di messaggistica

Whatsapp traduzione automatica
Whatsapp, arriva la traduzione automatica (Pixabay)

L’integrazione del traduttore di Google non è automatica, ma dev’essere attivata manualmente. Dopo aver scaricato l’app in questo, o averne eseguito l’aggiornamento, bisogna aprirla e visualizzare un box con la richiesta di attivazione della funzione “tocca per tradurre”.

POTREBBE INTERESSARTI-> iPhone pieghevole, nuovi rumors: ci sarà anche la Apple Pencil?

Una volta attivata, basterà toccare e tener premuto su qualsiasi parola o testo ed usare il tasto copia che compare in alto per far comparire l’icona del traduttore in alto a destra. Toccando quest’ultima si potrà visualizzare il testo tradotto nella lingua che si vuole. D’ora in poi chattare in diverse lingue sarà molto più piacevole.

Intanto, vi ricordiamo di far attenzione alle truffe che girano nelle varie chat Whatsapp, le quali hanno tutte un minimo comune denominatore: un link malevolo con cui i malintenzionati tentano di estorcere informazioni private agli utenti attraverso l’inganno. In situazioni sospette, il consiglio è di segnalare il tutto all’app ed alla Polizia Postale che è sempre molto attenta su tale tematica.