WhatsApp forza la mano per far testare agli utenti la sua attesissima nuova funzione

La nuova versione di WhatsApp vuole convincere gli utenti a testare l’attesissima funzione in arrivo prossimamente. Ecco come e in cosa consiste.

La nuova versione di WhatsApp vuole convincere gli utenti a testare l'attesissima funzione in arrivo prossimamente. Ecco come e in cosa consiste.
Novità indirette nell’ultimo aggiornamento di WhatsApp (AdobeStock)

L’opera di miglioramento di WhatsApp continua senza intoppi. L’app di messaggistica istantanea ha introdotto diverse novità destinate a segnare un solco importante sotto il profilo dell’esperienza d’uso, come dimostra la disponibilità – sia pure parziale e ad esclusivo beneficio dei più recenti smartphone Samsung – della migrazione delle chat da iOS ad Android, fino ad arrivare alle interessanti aggiunte per i messaggi che scompaiono.

Due peculiarità importanti, che andranno ad assommarsi ad un’altra funzione in arrivo nei prossimi mesi: il supporto al multi-dispositivo. Ne abbiamo parlato da diverse settimane e gli sviluppatori della popolare applicazione di messaggistica stanno cercando di trovare la giusta quadra per completare i tasselli mancanti e portare in pianta stabile l’attesa aggiunta, dapprima in beta pubblica e poi in chiave generalizzata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sta tornando lo smartphone “etico” di Fairphone: ecco le prime immagini di un prodotto sui generis

WhatsApp Beta per Android si aggiorna e punta a convincere gli utenti

WhatsApp Beta per Android supporto multi-dispositivo
La schermata inserita sull’ultima versione di WhatsApp Beta per Android (Screenshot WABetaInfo)

Ad oggi non è neanche partita una fase di test propedeutica al lancio della funzione “Linked Devices Update”, ed è proprio per questo che WhatsApp vuole intensificare gli sforzi e bruciare le tappe. Come spiegato dal “solito” WABetaInfo, l’ultima versione di WhatsApp Beta per Android nasconde proprio questo obiettivo: forzare la mano e far sì che gli utenti aderiscano al programma di test dedicato specificatamente al supporto al multi-dispositivo. Un passaggio obbligato se si vuole accelerare coi tempi e portare la funzione a un numero maggiore di utilizzatori, limando i difetti e rendendola perfettamente compatibile con un uso generale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Xiaomi 11T ufficiale con una valanga di nuovi prodotti: la risposta di Xiaomi al keynote di Apple

E’ bene precisare che per testare in anteprima il multi-dispositivo su WhatsApp, non basterà soltanto aver scaricato l’ultima versione beta dell’app per Android. Come dimostra lo screenshot di cui sopra, l’utente dovrà poi prestare il proprio assenso per l’adesione alla specifica beta della funzionalità in questione. Potete invece aggiornare WhatsApp Beta sul vostro smartphone Android seguendo l’apposito link di APKMirror.