Spotify, bloccate le app per il trasferimento delle playlist: i dettagli

spotify google
Spotify, a breve sarà possibile accedere tramite il proprio account Google (via Pixabay)

Nuovo importante aggiornamento in arrivo per Spotify. Il noto servizio di streaming musicale ha bloccato le app che permettono di trasferire playlist ai servizi rivali

È un periodo molto movimentato per Spotify. Nonostante la concorrenza agguerrita, il servizio svedese rimane il numero uno per quanto riguarda lo streaming musicale, sia su smartphone che su pc. Con un semplice abbonamento mensile, infatti, ogni utente può accedere ad una libreria praticamente infinita di musica e artisti in continuo aggiornamento.

Nelle ultime settimane, si è parlato insistentemente dell’astio tra l’azienda ed Apple Music. Il colosso di Cupertino ha lanciato il nuovo pacchetto unico Apple One, che comprende anche l’app per lo streaming musicale. Secondo Spotify, si è trattato di una mossa sleale, che andrà ad intaccare il mercato in generale. Come risposta, il colosso svedese ha deciso di bloccare tutte le app che consentono di effettuare il trasferimento delle playlist ad altri servizi musicali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> App Immuni, ufficiale il passaggio da Bending Spoons a Sogei e pagoPA

Spotify, bloccate app per trasferimento playlist: i dettagli

spotify
La decisione va in controtendenza con quanto criticato proprio ad Apple

Una scelta forse in controtendenza con quanto criticato ad Apple, quella presa recentemente da Spotify. Il noto servizio di streaming svedese ha deciso di bloccare tutte le app che permettono di effettuare il trasferimento delle playlist su altri servizi di musica in streaming. La mossa è già stata parecchio criticata dall’ambiente, che ha definito l’azienda come ipocrita e poco coerente con le accuse rivolte proprio nei confronti di Apple. 

Altro motivo che ha alimentato le voci sulla decisione presa è il fatto che rimane attiva la possibilità di trasferire playlist da altre piattaforme di streaming a Spotify stesso. Apple Music, per esempio, non ha imposto nessun blocco di questo tipo, forse anche in risposta alle accuse di voler “monopolizzare” il mercato musicale di streaming.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus pc e tablet: i requisiti minimi per usufruire del servizio