Anche Casio abbraccia Wear OS con il suo nuovo smartwatch G-SHOCK

G-SHOCK GSW-H1000 è il primo smartwatch Wear OS di Casio che strizza l’occhio agli sportivi più irriducibili, complice una ingente sequela di sensori e un ventaglio di funzionalità software dedicate anche alle attività più estreme. 

Smartwatch Wear OS Casio
Il primo smartwatch G-SHOCK con a bordo Wear OS (Screenshot YouTube)

Le grandi firme scendono in campo per rilanciare il progetto Wear OS. Se il ritorno di Samsung non può ancora dirsi ufficiale, diverso appare invece il discorso di Casio, che proprio in queste ore ha sollevato i veli sul suo primo smartwatch G-SQUAD PRO. Una mossa destinata inevitabilmente a migliorare la competitività del sistema operativo di Google, complice la popolarità acquisita da un brand da sempre in prima linea in fatto di orologi.

L’indossabile griffato Casio sarà commercializzato sotto l’appellativo di G-SHOCK GSW-H1000 e al di là del nome scelto dal produttore di Tokyo, appare senza dubbio maggiormente interessante spulciare sulle sue caratteristiche più distintive. Si tratta di uno smartwatch che coniuga la robustezza tipica della linea G-SHOCK con una attenzione certosina allo sport e all’allenamento: il ventaglio di opzioni software è infatti variegato, abbracciando anche una compatibilità con attività sportive più estreme (il rimando va soprattutto al surf e allo snowboard), nonché apposite aggiunte che permetteranno al consumatore di impostare obiettivi per ciascuno sport praticato.

Il prezzo di listino è tutt’altro che competitivo (699 dollari negli Stati Uniti, corrispondenti grossomodo a circa 600 euro al cambio attuale), ma a far da contraltare v’è la solita garanzia di Casio: la natura fortemente rugged permetterà infatti allo smartwatch G-SHOCK di resistere agevolmente agli urti e di essere impermeabile fino a 200 metri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung Galaxy S21 FE 5G piacerà a tutti con i suoi innumerevoli colori

Display dual-layer per non dimenticare le funzioni base di un orologio

smartwatch Wear OS Casio
Il display dual-layer dello smartwatch di Casio (Fonte: Casio)

Non è ancora noto il processore che andrà ad animare il nuovo smartwatch Wear OS, mentre la sequela di componentistiche hardware è senza dubbio da primo della classe: spicca, a tale stregua, la presenza della bussola e dei sensori per la misurazione dell’altitudine e della pressione atmosferica, oltre che i più tradizionali GPS, girometro, accelerometro e il componente per la misurazione della frequenza cardiaca. Ragguardevole è inoltre l’implementazione di un display dual-layer, mossa già inaugurata da TicWatch ed apprezzata per l’ottimo compromesso tra usabilità e autonomia: di concerto un tradizionale pannello LCD da 1,2 pollici a risoluzione di 360 x 360 pixel, Casio ha infatti aggiunto un secondo display di tipo monocromatico sempre attivo; il primo fungerà da “principale”, garantendo una efficace visualizzazione delle notifiche e delle varie attività sportive, mentre l’altro permetterà di consultare in qualsiasi momento l’orario.

Le funzionalità software sono le stesse di un qualsiasi smartwatch con a bordo il sistema operativo Wear OS. G-SHOCK GSW-H1000 permetterà infatti di visualizzare e rispondere a notifiche e chiamate, interagire con Google Assistant e scaricare le varie applicazioni presenti sul Google Play. Il produttore asiatico ha inoltre dotato il proprio indossabile di un’app proprietaria che si caratterizza per il supporto a 15 attività e 24 tipi di allenamento indoor.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Europei di calcio in RAI, su SKY. Ma anche su Tivùsat in 4K

In calce all’articolo potrete prendere visione di un filmato promozionale divulgato da Casio tramite canale YouTube.