Smartphone top di gamma 2021, gli analisti sicuri: Xiaomi capofila

Un recente studio condotto in Cina esalta le strategie abbozzate da Xiaomi per l’anno in corso: il brand capitanato da Lei Jun potrebbe infatti dominare il mercato degli smartphone top di gamma 2021.

Smartphone top di gamma 2021, Xiaomi primafila
(AdobeStock)

Xiaomi Mi 11 è disponibile ufficialmente soltanto nel territorio cinese, eppure tra gli analisti aleggia una certezza: il nuovo smartphone Android – peraltro il primo in assoluto ad essere impreziosito dall’ultimo processore Qualcomm, lo Snapdragon 888 – farà senz’altro voce grossa all’interno del panorama mobile globale, a tal punto da mettere in seria difficoltà tutti gli altri contendenti, tra cui il prossimo Samsung Galaxy S21.

Le strategie messe a frutto da Xiaomi potrebbero perciò rivelarsi vincenti, e ciò grazie ad una sommatoria di fattori certamente meritevoli di attenzione: in primo luogo, la cura profusa nello sviluppo e nella progettazione del nuovo smartphone Android top di gamma; in seconda battuta, l’importante patnership inaugurata con Qualcomm, che ha permesso al brand cinese di poter mettere le mani – con evidente largo anticipo rispetto ai concorrenti più blasonati – sul potente chipset per dispositivi mobile. Due fattori, quest’ultimi, che devono essere coniugati in modo vicendevole: a detta di Lei Jun (per inciso il massimo esponente di Xiaomi), lo sviluppo di Mi 11 era già partito da almeno un anno, ed è perciò lecito immaginare che la società cinese abbia in questi mesi aspettato soltanto l’ufficializzazione dello Snapdragon 888 per svelare al pubblico il suo ultimo “gioiello”, evidentemente ormai definito in tutti i suoi aspetti chiave.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Attacchi hacker contro la Sanità previsti nei prossimi mesi

Xiaomi dovrà battere una folta concorrenza nell’ambito degli smartphone top di gamma 2021

Smartphone top di gamma 2021, Xiaomi Mi 11 meglio della concorrenza?
(AdobeStock)

I piani di Xiaomi per il mercato mobile replicano le strategie messe in atto da Apple: lo sviluppo di un nuovo smartphone Android di punta deve infatti durare almeno dodici-diciotto mesi. Si tratta di un arco temporale assai dilatato, effettivamente sinonimo di maggior cura ed attenzione nella progettazione di un dispositivo che, almeno sulla carta, ha l’ambizione di primeggiare sulla spietata concorrenza, ponendosi addirittura come il miglior prodotto dell’anno. E se a tale primo fattore aggiungiamo che l’attuale Xiaomi Mi 10 – peraltro oggetto di recenti interessanti offerte – ha avuto il pregio di migliorare in lungo e in largo le caratteristiche del precedente Mi 9, non possiamo insomma non aspettarci novità importanti anche dal nuovo smartphone top di gamma 2021 cinese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp e il record di Capodanno: 1,4 miliardi di chiamate vocali in una notte

Xiaomi Mi 11 dovrà duellare con importanti competitor: di concerto con l’ormai imminente Samsung Galaxy S21, sono infatti attesi nei prossimi mesi avversari di un certo calibro, come i nuovi Huawei P50 Pro e OnePlus 9. Eppure, gli analisti sono sicuri che il prossimo smartphone Xiaomi top di gamma sarà in grado di primeggiare sulla concorrenza. Non resta dunque che attendere gli effettivi dati di vendita per capire se le previsioni abbozzate dagli esperti possano tradursi in veri e propri dati fattuali.