Smartphone: il mercato parla chiaro: queste le big. Crollo Huawei

I primi tre mesi del 2021 confermano alcuni dati nel campo del mercato delle migliori compagnie telefoniche, almeno secondo Counterpoint Research, una società asiatica di analisi del settore globale con sede a Hong Kong, ma anche dislocazioni in tutto il mondo: da Seoul a Mumbai, passando per Londra, San Diego, Pechino e Buenos Aires.

Smartphone, comanda Samsung. Poi Apple (Adobe Stock)
Smartphone, comanda Samsung. Poi Apple (Adobe Stock)

Counterpoint Research ha da poco condiviso il suo consueto report mensile che descrive l’analisi del mercato smartphone nell’ultimo trimestre di riferimento, ovvero i primi tre mesi del 2021. Anche i dati della nota società asiatica confermano la crisi di Huawei. Vuoi per il durissimo ban statunitense, vuoi probabilmente per i suoi smartphone che non tirano più come prima, vuoi per la cessione definitiva di Honor (il primo trimestre 2021 è stato infatti il primo periodo in cui tra le spedizioni di Huawei non sono state conteggiate quelle dei dispositivi Honor) il primato di Huawei solo nel 2020, è un vago ricordo. Passato. Trapassato remoto.

Smartphone, Samsung domina in Europa e in America Latina. Apple nel Nord America. Bene Xiaomi

Smartphone, dal podio è sparito Huawei (Adobe Stock)
Smartphone, dal podio è sparito Huawei (Adobe Stock)

Numeri fortemente negativi per l’azienda di Shenzen, in forte calo rispetto al 20% di appena nove mesi fa, e per la prima volta sotto al 10%. Ora l’azienda cinese è al sesto posto con solo il 4% degli smartphone piazzati a livello globale, superata perfino Xiaomi (14%), OPPO (11%) e largamente perfino da Vivo (10%): distacchi netti pensando anche ai due colossi: Samsung in primis (22%) ed Apple (17%).

LEGGI ANCHE >>> Offerte Vodafone, un servizio è finalmente incluso (senza costi aggiuntivi)

Il primato di Samsung è dovuto principalmente al mercato europeo e in America Latina, la roccaforte di Apple è sempre il Nord America, Vivo ha le quote maggiori nel mercato asiatico: bene anche OPPO e soprattutto Xiaomi, che ha fatto registrare numeri positivi trasversalmente, attestandosi nella top 3 in tutte le regioni geografiche eccetto che nel Nord America, dove il colosso di Cupertino è ancora fortissimo. Oltre al 50%, 55% per l’esattezza.

LEGGI ANCHE >>> iPhone 13 avrà un’autonomia super: i numeri sono sbalorditivi

Il restante 17% delle quote di mercato è stato principalmente suddiviso tra tre società: LG, Motorola e Alcatel. LG ha rappresentato il 7% delle spedizioni, anche se mancano ormai settimane all’uscita permanente dal mercato. Motorola ha seguito con il 5% e Alcatel ha tenuto l’1%. Resterà da vedere quali società assorbiranno la quota di vendita di LG nei prossimi trimestri.

Le spedizioni globali di smartphone, in generale, sono cresciute del 20% su base annua, ma il dato è negativo del 10% trim/trim per raggiungere 354,94 milioni di unità dell’ultimo dato. Il mercato degli smartphone in India è diminuito per un secondo trimestre. Brilla Xiaomi, in crescita dell’8% su base annua guidata dalla serie Redmi 9.

Samsung ha riconquistato il primo posto come il più grande OEM del mondo, sostituendo Apple, che ha visto un calo trimestrale stagionale delle spedizioni. In Europa, invece, il calo delle spedizioni di Apple è stato significativamente compensato dalla crescita di Samsung e OEM cinesi come Xiaomi, OPPO e realme.