Samsung, una smart TV 88″ con supporto Wi-Fi 6E

Il futuro è già qui. La prossima TV 8K di Samsung potrebbe essere la prima a supportare Wi-Fi 6E, offrendo connettività su tre bande molto diverse. Secondo alcune nuove certificazioni di prodotto, infatti, la smart TV (di fascia alta) utilizzerà un modem wireless MediaTek. Non è certo una sorpresa, considerando quanto è cresciuta la relazione tra Samsung e MediaTek negli ultimi anni, ma in tempo di 5G, già pensare a un ulteriore step, fa un certo effetto.

Samsung (Adobe Stock)
Samsung (Adobe Stock)

Anche le primissime smart TV Wi-Fi 6 di Samsung – rilasciate poco più di un anno fa – erano dotate di equipaggiamento MediaTek. Ma adesso ci si evolve alla velocità della luce.

Samsung, si rafforza il connubio con Mediatek

Samsung Tv (Adobe Stock)
Samsung Tv (Adobe Stock)

Il modello in arrivo è basato su un modem e una scheda di progettazione di riferimento MT7921 di MediaTek, negli ultimi periodi sempre al fianco di Samsung. E’ uno dei chip più recenti e ampiamente approvati dal produttore taiwanese produttrice di semiconduttori fabless, che progetta e vende componenti anche per le tv ad alta definizione, la cui stessa esistenza dovrebbe anche garantire il supporto per le più recenti e migliori tra le altre tecnologie wireless: Bluetooth 5.0 Low Energy, WPA3, Wi-Fi Agile Multiband e simili.

LEGGI ANCHE >>> SKY, un silenzio assordante. Tutto il calcio che resta

Samsung ha già annunciato i suoi televisori 8K (e 4K) principali per il 2021 a gennaio, anche se non è stato ancora detto molto sull’argomento delle loro funzionalità di connettività. Tuttavia, l’audio è all’avanguardia.

LEGGI ANCHE >>> Netflix si prepara alla svolta: “Ci sarà un investimento monstre”

Per il momento il Wi-Fi 6E rimane una tecnologia di nicchia, ma chiunque sul mercato di un televisore intelligente 8K sarà a ciò che l’industria possa da offrire in tema di innovazione. Questo sviluppo arriva non molto tempo dopo che Samsung ha lanciato il suo primo dispositivo compatibile con Wi-Fi 6E: il Galaxy S21 Ultra. Di fatto c’è il rischio che questo device disponga di un modulo molto prestante ma potrebbe non essere ampiamente adottato da tutti i Paesi. D’altronde, occorrerà che il TV funzioni prima sulle bande a 2,4 GHz, 5 GHz e 6 GHz.

Il fiore all’occhiello di Android non utilizza un chip MediaTek ma invece ne sfrutta uno di Broadcom, così come la maggior parte degli altri smartphone di fascia alta, che Samsung dovrebbe rilasciare entro la fine dell’anno.