SKY, un silenzio assordante. Tutto il calcio che resta

Centoventuno partite di Champions, su 137. Tutta l’Europa e Conference League. Cinquantuno partite del prossimo Europeo 2020, itinerante nel 2021 (11 giugno-11 luglio) con quattro partite all’Olimpico di Roma, alcuni campionati esteri fra cui la Premier League. E’ tutto il calcio, per ora, rimasto a SKY.

Sky, cosa resta del calcio (Adobe Stock)
Sky, cosa resta del calcio (Adobe Stock)

Ha parlato tanto durante la battaglia campale per l’assegnazione del “pacchetto forte” dei diritti tv della prossima Serie A (triennio 2021-2024), ha scritto altrettanto, in primis alla Lega. Ora il leader in Europa nel settore delle telecomunicazioni si è barricato nel silenzio. Un silenzio assordante.

SKY, non ci resta che il pacchetto 2 dei diritti tv di Serie A

A Sky il "pacchetto 2" di Serie A? (Adobe Stock)
A Sky il “pacchetto 2” di Serie A? (Adobe Stock)

C’è chi sostiene che SKY potrebbe percorrere la via del ricorso per l’assegnazione dei diritti tv della Serie A (2021-2014) a DAZN, c’è chi ipotizza un piano per contrattare con DAZN al fine di non perdere il grosso che è stato suo per 18 anni. Chissà.

LEGGI ANCHE >>> Apple, tris di novità in arrivo ad aprile: ecco cosa sappiamo 

Nell’immediato SKY deve capire innanzitutto se prenderà il pacchetto 2 dei diritti tv: le tre partite a giornata in co-esclusiva della Serie A (sempre nel prossimo triennio) da aggiungere al suo magro bottino. La situazione non è così scontata visti i rapporti tutt’altro che idilliaci con la Lega.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp, come nascondere il “Sta scrivendo…” da una chat

Galeotta la sesta rata dei diritti tv per la stagione 2019/2020. SKY chiedeva uno sconto, visto il campionato sospeso a causa del lockdown e della pandemia da Coronavirus, i club pretendevano l’intero importo di 130 milioni. Alla fine la tv satellitare ha pagato cifra piena, ma solo dopo che il tribunale di Milano l’ha costretta a farlo con un decreto.

Il secondo problema è proprio il pacchetto 2 degli attuali diritti tv ancora da assegnare. L’offerta di SKY è di 70 milioni per le restanti tre partite (sempre a giornata) in co-esclusiva, una cifra notevolmente inferiori rispetto al grosso dei club, non meno di 130.

Manca anche il tempo per trovare un accordo. L’Assemblea di Lega si terrà lunedì 29 marzo, proprio il giorno delle scadenze delle offerte. Se sarà fumata bianca, SKY aumenterà il suo magro bottino sul calcio.

Altrimenti vi sarà un nuovo bando, nel quale potrebbero ritornare d’attualità Mediaset e Amazon, che già hanno acquistato pacchetti di partite della Champions: una ne ha 121 di cui 17 in chiaro finale compresa, l’altra ne possiede in esclusiva 16, le migliori del mercoledì. Lunedì 29 marzo, ore 18.30 se ne saprà di più.