Rimodulazioni Vodafone, aumenti in arrivo per gli abbonamenti di alcuni utenti

A partire dal prossimo 26 ottobre 2021, sono previste nuove rimodulazioni da parte di Vodafone. Tutti gli aumenti in programma

vodafone rimodulazioni
Annunciate nuove rimodulazioni per alcune offerte di Vodafone (Adobe Stock)

Sono settimane di grandi cambiamenti per ciò che riguarda i principali operatori telefonici in Italia. Stanno infatti venendo lanciate tantissime nuove offerte tra minuti, SMS e soprattutto Giga di traffico dati aggiuntivi. Ci sono però anche brutte notizie, che presto potrebbero andare a colpire migliaia di utenti.

È il caso di Vodafone, che ha da poco annunciato rimodulazioni che entreranno in vigore il prossimo 26 ottobre 2021 per alcuni già clienti di rete fissa. Nello specifico, sono previsti aumenti delle spese mensili fino a 1,99 euro. Una mossa che segue a quanto già accaduto lo scorso marzo, quando altre promozioni di rete fissa sono state interessate dalla rimodulazione in questione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Airbnb di nuovo in campo: ecco cosa sta facendo di concreto per il popolo afghano

Rimodulazioni Vodafone, tutti i dettagli dei nuovi rincari

Vodafone offerte winback luglio 2021
Tutti i dettagli delle ultime rimodulazioni pensate da Vodafone (PIxaBay)

Già a partire da oggi giovedì 26 agosto 2021, se siete clienti Vodafone interessati dalle nuove rimodulazioni dovreste ricevere una comunicazione in fattura della modifica unilaterale. Il tutto entrerà in vigore dal prossimo 26 ottobre 2021, con il costo di alcune offerte di telefonia fissa che aumenteranno di 1,99 euro al mese. Dalla stessa data, inoltre, per l’invio della fattura non fiscale in modalità cartacea è previsto un aumento pari a 0,61 euro delle spese di spedizione. 

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Da libro a saga colossal. Ora il Signore degli Anelli diventa un gioco mobile. La data ufficiale del lancio

Vogliamo continuare ad investire sulle rete e rispondere al meglio alle nuove esigenze di traffico. L’aumento dei costi di spedizione ha invece l’obiettivo di impegnarci maggiormente a ridurre l’impatto ambientale” ha spiegato il provider con una nota ufficiale. 

Ricordiamo che, ai sensi dell’art. 70 comma 4 del Decreto legislativo, tutti coloro che non vogliono accettare le modifiche possono recedere dal contratto o passare ad altro operatore – mantenendo il numero fisso – senza né penali né costi di disattivazione. Bisogna però effettuare richiesta fino all’ultimo giorno di validità delle precedenti condizioni, specificando poi come causale del recesso “Modifica delle condizioni contrattuali“.