PornHub e l’incredibile successo in Italia nel 2021: tutti i dati registrati

Anche PornHub ha voluto fare un resoconto del suo 2021, con alcuni interessanti dati registrati anche in Italia

pornhub 15122021 cellulari.it
PornHub ha pubblicato il resoconto dell’ultimo anno sul suo sito (screenshot)

Inutile stare a sottolinearlo, la pornografia rappresenta uno dei settori più importanti nel mondo di internet. Milioni di utenti ne usufruiscono ogni giorno, ed esistono veri e propri colossi che offrono video di ogni tipo. Basti pensare a PornHub, con anche la possibilità di sottoscrivere l’abbonamento per contenuti in HD ed esclusivi.

Proprio questa compagnia, considerando l’avvicinarsi della fine dell’anno, ha deciso di fare un resoconto del 2021 a livello globale. E non potevano mancare i dati registrati dagli utenti italiani che, per certi versi, sono sbalorditivi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Food delivery nello spazio: la prima consegna Uber Eats alla Stazione Spaziale Internazionale

PornHub in Italia, i dati più interessanti del 2021

pornhub 15122021 cellulari.it
Ecco alcuni dei dati più interessanti registrati in Italia (Adobe Stock)

Anche in Italia, PornHub rappresenta una realtà affermata. La compagnia ha deciso di pubblicare la 2021 Year in Review, una sorta di resoconto dell’anno che è stato. Gli italiani rientrano nella Top 5 dei paesi da cui deriva il maggior traffico, dietro solo ad USA, Regno Unito, Giappone e Francia. Secondo quanto si legge, una sessione media dura all’incirca 9 minuti e 55 secondi. Facendo un confronto con l’anno scorso, si tratta di un downgrade di 29 secondi. La piattaforma ha voluto ‘ribaltare la frittata’, spiegando che il dato è dovuto al fatto che: “Siamo diventati più bravi a mostrarvi i contenuti che preferite“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Realme, è l’ora del GT2 Pro: ufficiale la data di presentazione del nuovo flagship

Anche in questo caso, è stata pubblicata una sorta di classifica. Al primo posto le Filippine, con una sessione media che dura circa 11 minuti e 31 secondi. A seguire il Giappone con 10,3 e la Francia con 10,2. Tornando all’Italia, gli uomini continuano a rappresentare la maggioranza dei visitatori. 71%, contro il 21% del genere femminile. Si tratta di uno dei paesi nei quali lo squilibrio è maggiormente marcato.