Nasce l’app che misura la pressione sanguigna dalla fotocamera: i dettagli del progetto

La piattaforma Binah.ai ha annunciato qualche giorno fa un’app in grado di monitorare la pressione sanguigna tramite la fotocamera. Tutti i dettagli

misurazione sanguigna app 20220108 cellulari.it
La piattaforma Binah.ai ha affermato di aver sviluppato uno strumento per la misurazione sanguigna in-app (Adobe Stock)

Si tratterebbe di uno strumento certamente molto utile e facile da usare, in grado di prevenire malattie gravi. Qualche giorno fa, la piattaforma sanitaria Binah.ai ha annunciato di aver aggiunto il monitoraggio della pressione sanguigna tra i suoi strumenti disponibili in-app. Stando a quanto si legge, sarebbe possibile svolgere l’operazione semplicemente utilizzando la fotocamera dello smartphone.

Già da anni, in realtà, si sta lavorando per arrivare a soluzioni che non necessitino del classico bracciale. Verrebbe eliminata una fase del processo e si potrebbe monitorare un dato utilissimo direttamente da casa. Per fare ciò, la tecnologia utilizzata dall’applicazione sarà la fotopletismografia (PPG). Tuttavia, gli esperti hanno affermato che è ancora presto per fidarsi al 100% di un sistema così articolato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung, il Galaxy A52s 5G ha un problema inaspettato: cosa sta accadendo

Misurazione della pressione sanguigna da un’app, ecco come funziona

misurazione sanguigna app 20220108 cellulari.it
Ecco tutto quello che c’è da sapere sul progetto in questione (Screenshot)

La fotopletismografia è uno strumento che sfrutta la luce riflessa dal viso per calcolare i cambiamenti nel flusso sanguigno. Una tecnica sicuramente avanzata, ma forse ancora in stato embrionale per poter essere applicata alla misurazione medica. I ricercatori hanno affermato di aver fatto progressi verso quest’obiettivo, ma c’è ancora lavoro da fare. “Potenzialmente, questa tecnologia potrebbe essere utilizzata nel futuro prossimo. Ma non ho ancora visto prove che possano suggerire la completezza del sistema già da oggi” ha affermato Jordana Cohen a The Verge.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Sonos versus Google, si conclude la “lotta sui brevetti”: la decisione dell’ITC

L’azienda ha già condotto degli studi interni, con un campione di 264 persone. I dati ottenuti non sono stati pubblicati, ma si parla di un rapporto molto accurato. La valutazione è stata poi confrontata con lo standard internazionale per i vari dispositivi di misurazione già sul mercato, che si basa su due livelli: adeguato per un dispositivo ad alta precisione e per uno a bassa precisione. Secondo quanto affermato da Binah.ai, quello dell’app sarebbe a bassa precisione. È comunque ancora presto per dire se e quando la tecnologia in questione potrà essere utilizzata al posto dei dispositivi fisici.