Sonos versus Google, si conclude la “lotta sui brevetti”: la decisione dell’ITC

Dopo anni di denunce e scontri, si è finalmente conclusa la battaglia legale tra Sonos e Google in merito ai brevetti

google sonos 20220107 cellulari.it
Decisione finale dell’ITC in merito alla diatriba tra Google e Sonos (Adobe Stock)

Nel 2013, Sonos e Google iniziarono a collaborare. Gli obiettivi dichiarati erano parecchio ambiziosi, ma alla fine qualcosa è andato storto. Big G aveva intenzione di dare vita ad un servizio musicale che potesse funzionare con gli speaker multiroom di Sonos stessa. Per arrivare ad un progetto fatto e finito, vennero condivisi progetti di alcune tecnologie brevettate.

Col passare del tempo, poi, i rapporti si sono inaspriti. Non solo perché Google ha lanciato prodotti per venderli a prezzi minori del concorrente, ma anche perché Sonos ha dato vita a speaker funzionanti con altri assistenti vocali. Fino ad arrivare ad accuse vere e proprie, secondo cui Big G avrebbe violato cinque brevetti di Sonos. Nelle scorse ore, è arrivata la decisione da parte dell’International Trade Commission a riguardo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung, il Galaxy A52s 5G ha un problema inaspettato: cosa sta accadendo

Sonos e Google, la decisione finale dell’ITC

google sonos 20220107 cellulari.it
Alla fine, ad averla vinta è stata Sonos (Unsplash)

Alla fine, è arrivata la tanto attesa decisione dell’International Trade Commission in merito alla battaglia legale tra Sonos e Google. A quanto pare, è stata Big G ad aver violato cinque brevetti di Sonos. L’azienda di Mountain View non potrà più dunque importare prodotti che violano le priorità intellettuali di Sonos, almeno negli USA. E si parla anche di dispositivi appartenenti alla serie Google Home, telefoni Pixel e dispositivi Chromecast. Il tutto dovrebbe entrare in vigore già nei prossimi 60 giorni, periodo durante il quale la questione potrebbe venire riesaminata.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> TikTok, un nuovo modo per aumentare la visibilità dei video

Come specificato da un portavoce di Google, comunque, questa decisione non andrà ad impattare sulle vendite negli USA. Big G dispone infatti di un’ampia gamma di design alternativi per i propri prodotti, che non violano alcun brevetto. “Apprezziamo che l’ITC abbia approvato i design rivisti. Cercheremo di revisionarli ulteriormente e ci difenderemo dalle affermazioni di Sonos sulla nostra collaborazione” il suo commento.