Benvenuta MIUI 12.5: la versione stabile in roll-out sui primi Xiaomi

Il rilascio dell’aggiornamento MIUI 12.5 sta finalmente intensificandosi, grazie alla disponibilità della versione stabile e ufficiale. Ecco gli smartphone Xiaomi coinvolti nella prima tornata di update.

MIUI 12.5 rilascio
Arriva finalmente la versione stabile della MIUI 12.5

E’ stata presentata come una rivoluzione “minore”, di quelle capaci di lasciare il segno pur non mostrando apparentemente alcun cambiamento sostanziale. La MIUI 12.5, ultima interazione dell’interfaccia predefinita degli smartphone Xiaomi, è finalmente giunta nella sua versione stabile ed ufficiale. Una buona notizia dopo i propedeutici mesi di test, che hanno permesso al sodalizio di Shenzhen di affinare la piattaforma software prima di un rilascio in larga scala. E così è. O quantomeno per gli utenti cinesi, i primi a poter sperimentare le novità distintive della rinnovata MIUI.

Gli smartphone coinvolti sono almeno un paio, tutti appartenenti alla gamma di fascia alta, di vecchio e di nuovo conio. A far da apripista è stato qualche giorno or sono Mi 11 – primo portabandiera con a bordo lo Snapdragon 888 di Qualcomm – seguito a stretta ruota dai modelli ancor più completi e rifiniti: Mi 11 Pro (destinato a non essere commercializzato in Europa, con buona pace degli acquirenti interessati) e Mi 11 Ultra, dispositivo pronto invece a rivoluzionare l’esperienza Xiaomi dall’alto del suo doppio schermo. Quindi, un rilascio ancor più generalizzato messo in atto proprio in queste ore, coinvolgendo stavolta l’intera serie Mi 10, ex-flagship della società cinese. E a completare il quadro vi è pure Mi 9 SE, smartphone che potremmo definire l’alter-ego di iPhone 12 Mini se non fosse per la sua presenza sul mercato da ormai due anni.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Banconote, le 50mila lire ora valgono (anche) migliaia di euro

Attesa per l’Italia

rilascio MIUI 12.5
Per l’Italia si dovrà ancora attendere

Il rilascio dell’aggiornamento della MIUI 12.5 – è bene chiarirlo – sta coinvolgendo gli appena menzionati dispositivi commercializzati in Cina. Per l’Italia bisognerà ancora attendere, forse anche con qualche giorno di ritardo rispetto all’originaria data (30 aprile) sbandierata qualche settimana addietro.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Facebook, come trasferire post, foto e video al cloud storage

L’attesa dovrebbe comunque ripagare i consumatori, quantomeno stando alle novità assicurate dalla nuova MIUI: pensiamo, su tutti, ad una riduzione dei consumi e ad una ottimizzazione generale, peculiarità quest’ultime che garantiranno una miglior durata della batteria degli smartphone Xiaomi coinvolti senza pur tuttavia impattare sulle prestazioni.