Malware più diffusi, Emotet e Ursnif i peggiori: ecco come difendersi

Secondo quanto riferiscono i dati del CERT-AGID, i malware più diffusi in Italia sono Emotet e Ursnif: ecco come difendersi

malware più diffusi
Malware più diffusi, la classifica dei più pericolosi (Pixabay)

È uno dei temi più discussi: quello della cybercronaca nera. Ormai sempre più spesso emergono nuovi malware capaci di mettere a rischio la sicurezza dei nostri dispositivi, dai laptop agli smartphone. A tal proposito, CERT-AGID ha reso pubblici alcuni dati relativi proprio ai virus che circolano in Italia.

Nello specifico, a partire da fine agosto 2020 ha iniziato a censire settimanalmente le varie campagne malevole che sono arrivate nel nostro territorio. Parlando anche di come circolano in rete, spunta un dato interessante: solo il 16,2% dei malware fanno parte delle campagne di tipo internazionale, mentre l’83,8% punta proprio all’utenza italiana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> App più scaricata del 2020, qual è la numero uno su Android e iOS

Malware più diffusi, i dati di CERT-AGID

malware più diffusi
Il mercato italiano sarebbe sempre più appetibile per i cybercriminali (Pixabay)

Come riportato da CERT-AGID, i cybercriminali stanno prendendo sempre più di mira il mercato italiano,ritenuto molto interessante e funzionale. I malware più diffusi sono 3: Urnsif, Emotet e Dridex. A questi seguono anche AgentTesla e FormBook, posti subito sotto. Nello specifico, i più pericolosi sono proprio Emotet e Urnsif, in quanto sono trojan bancari che puntano ad ottenere le credenziali di accesso per svuotare i conti bancari. Per difendersi da queste campagne, bisogna stare molto attenti alle email con allegato che ricevete. Infatti questi malware si basano su link da cliccare per attaccare i dati.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Instagram Stories nella versione web, grosso miglioramento in arrivo

Nello specifico, si tratta di temi relativi ai pagamenti o ai delivery. Quindi dettagli di una fattura, rimborsi, stato della consegna di un pacco. Se quindi ricevete contenuti di questo tipo nella vostra casella mail, è bene guardare da quale indirizzo email arriva.