Instagram, nuove funzionalità pronte per la piattaforma

Pakistan social
Pakistan, imposte nuove regole sui social media e sui provider di servizi internet (AdobeStock)

Instagram assiste ogni giorno a migliaia di richieste che si lamentano di ricevere abusi tramite la piattaforma. Una nuova funzionalità dovrebbe risolvere il problema 

Instagram è pronta a porre un limite contro tutti gli atti di bullismo che avvengono all’interno della piattaforma, proprietà di Facebook. Ogni giorno, sempre più utenti si lamentano delle numerose problematiche relative a casi di cyberbullismo.

Dopo queste numerose richieste di risolvere il problema e limitare i casi di abuso, ha deciso di correre ai ripari. La AI, intelligenza artificiale, accorre in ausilio di nuovo con l’obiettivo di individuare i disturbatori e limitarne le azioni negative a discapito del malcapitato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Instagram Threads, Direct ritorna con un aggiornamento

Instagram, limitare i contenuti discutibili

instagram
instagram (pixabay)

Nello specifico, la piattaforma lavora sulla prevenzione e l’incoraggiamento a non offendere nessuno con i propri contenuti. Quando si digita un qualcosa, se ritenuto non appropriato, una notifica avverte l’utente autore del messaggio chiedendo se è intenzionato a condividerlo lo stesso.

La nuova funzionalità ancora in fase di lavorazione e potenziamento è stata ideata per riuscire a fronteggiare un problema sempre maggiore di abusi legati al mondo digitale. Difatti numerosi casi di denunce o, ancor peggio, di suicidi avvengono per comportamenti scaturiti sui social.

Con la possibilità di riflettere su ciò che si sta per compiere, si cerca di far comprendere ad un utente la gravità di quello che sta causando con un determinato commento o contenuto.

Tutto questo perché bloccare o segnalare qualcuno non fa che alimentare questo circolo vizioso irritando il “bullo” di turno. Vengono considerate condizioni anche di rapporti che possono continuare nella vita reale, causando delle conseguenze a scapito delle vittime.

Pertanto si cerca di condurre alla riflessione delle azioni che si compiono piuttosto che di bloccare un account portando a reazioni esagerate e fuori controllo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, super chat con Facebook e Instagram: l’ipotesi trova conferme