In quale regione si consumano più giga di traffico mobile? La risposta ha una spiegazione evidente

L’isola del tesoro. La Sardegna è la regione d’Italia dove si consuma più giga di traffico mobile, almeno nel secondo trimestre del 2021, stando ai dati di Opensignal, una società di analisi mobile indipendente specializzata nella “quantificazione dell’esperienza di rete mobile”.

WiFi (Adobe Stock)
WiFi (Adobe Stock)

Opensignal ha combinato misurazioni del mondo reale con analisi scientifiche per fornire approfondimenti indipendenti sulla connettività mobile a livello globale. E da questo report è uscito fuori il primato della Sardegna (con una media di 12,8GB di dati al mese, davanti alla Sicilia (11,7) e alle due macroregioni settentrionali (rispettivamente 11,1 e 11,3).

Italia, continua la crescita costante di consumo di dati mobili

Antenna 5G (Adobe Stock)
Antenna 5G (Adobe Stock)

Abbiamo anche scoperto che gli utenti di smartphone che hanno trascorso più tempo connessi al Wi-Fi hanno consumato meno dati mobili nelle varie regioni analizzate”. Opensignal nel suo report si spiega: “Questa correlazione negativa aiuta a spiegare le differenze nel consumo di dati mobili nelle diverse regioni – sottolinea – i nostri utenti di smartphone italiani hanno consumato in media 10,9 GB di dati mobili al mese durante il secondo trimestre del 2021. Tuttavia, tale quantità è variata quando abbiamo analizzato le diverse regioni del paese”.

LEGGI ANCHE >>> Come “fermare il tempo” con una videocamera da 90 mila frame al secondo: le immagini lasciano a bocca aperta [VIDEO]

Suddividendo l’Italia in tre parti, si nota come gli utenti facenti parte dell’indagine di Opensignal, del Centro e del Sud, hanno consumato rispettivamente 9,8 GB e 9,9 GB di dati mobili, inferiori alla media italiana rispettivamente del 9,6% e del 9%.

LEGGI ANCHE >>> Google, ancora novità per Android Auto: più personalizzazioni per andare incontro ai gusti degli utenti

L’utilizzo medio mensile dei dati mobili nel resto delle regioni analizzate è stato superiore alla media italiana – continua il report – Nord Ovest, Nord Est e Sicilia hanno ottenuto 11,1 GB, 11,3 GB e 11,7 GB, con incrementi compresi tra l’1,7% e l’8,1% rispetto alla media nazionale”.

Il primato della Sardegna è per distacco, il 17,4% in più della della media nazionale e addirittura del 29,9% in più rispetto della media degli utenti nel Centro e nel Sud Italia. Che, al contrario, hanno trascorso la maggior parte del tempo su Wi-Fi. “Questa differenza – rimarca Opensignal – riflette in parte diversi, livelli di adozione della banda larga fissa domestica attraverso diverse regioni”. Ecco spiegato il motivo del primato sardo: il consumo di più dati mobile è inversamente proporzionato alle Wi-Fi.

Più in generale, il report di Opensignal conferma quel quadro generale del Belpaese che già i dati ufficiali dell’Agcom aveva evidenziato: nello Stivale il trend dei il consumo di dati mobili è molto positivo, cresciuto costantemente negli ultimi anni, passando da una media di 1,87 GB/mese nel 2016 a 9,72 GB/mese nel 2020. Utilizzando i dati raccolti dall’app Opensignal, l’azienda londinese, fondata nel 2010 da Brendan Gill, James Robinson, Sam Westwood e Sina Khanifar, sta creando WifiMapper, un’app per trovare hotspot Wi‑Fi gratuiti, disponibile su iOS e Android