Huawei vende Honor per aggirare il ban di Trump? Lo scenario

huawei
Huawei logo (screenshot)

Huawei vende Honor per aggirare la decisione presa dal presidente degli Stati Uniti d’America per impedire la vendita dei suoi prodotti negli USA?

Huawei sta passando tempi duri in seguito al ban americano e alla guerra che sta combattendo con gli Stati Uniti d’America. Il presidente Trump, infatti, ha iniziato una crociata per combattere i prodotti cinesi e il loro ingresso nel suo Paese, colpendo in questo modo anche i prodotti tecnologici. Più volte è stato detto dalla sua amministrazione che l’obiettivo ultimo dei cinesi sia spiare i cittadini americani e monitorare le loro attività, per dare al governo asiatico informazioni vitali per la guerra economica e non solo. Il ban ha colpito applicazioni importanti e molto usate come WeChat e TikTok, ma anche e soprattutto le case che producono hardware proprio come Huawei.

LEGGI ANCHE —> Huawei Mate XS, il foldable da 2500 euro: scheda tecnica

Huawei vende Honor per aggirare il ban di Trump? Lo scenario

Huawei ha subito un colpo importante in seguito al ban. Non solo ha perso l’intero mercato americano, ma ha anche dovuto dire addio ai servizi Google, ad Android e a tutti i servizi connessi. Proprio per questo l’azienda è in un momento molto delicato, in cui sta ricominciando a mettere tutti i pezzi insieme e a creare un nuovo software. Tuttavia potrebbe esserci un’alternativa per aggirare il ban di Trump. Huawei detiene infatti anche il marchio Honor, brand di successo che produce terminali molto interessanti. Secondo un analista cinese, Ming-Chi Kuo, l’azienda potrebbe però agilmente aggirare il ban. Le basterebbe infatti vendere il marchio Honor ad un’azienda americana, mantenendone però il possesso, in modo da poter continuare a guadagnare denaro e vendere nel mercato americano tramite il secondo marchio piuttosto che con il nome Huawei, messo al ban da Trump. E’ certamente uno scenario di difficile realizzazione, ma potrebbe essere una possibilità per la casa cinese che era in un momento di ascesa.

LEGGI ANCHE —> OnePlus 8T, pubblicata la prima foto scattata con lo smartphone