Huawei, Qualcomm ha ottenuto i permessi dagli Usa: ora è ufficiale

Ottime notizie per Huawei: Qualcomm ha ottenuto ufficialmente i permessi commerciali dagli Usa. Ecco cosa cambia

Dopo i vari rumors e le voci emerse negli ultimi giorni, ora è arrivata l’ufficialità: Qualcomm ha ottenuto il via libera dagli Usa per commerciare con Huawei. Dopo i vari divieti degli scorsi mesi, il produttore di semiconduttori potrà vendere i propri chip al colosso di Shenzen.

La notizia è stata riportata dall’agenzia di stampa Reuters, che ha anche avuto la possibilità di intervistare un portavoce di Qualcomm. Quest’ultimo non ha commentato quali prodotti 4G saranno venduti a Huawei, ma ha confermato ufficialmente che l’azienda ha ottenuto i permessi commerciali dal governo statunitense. Ora mancano solo alcuni dettagli relativi a domande di licenza, ancora in sospeso con l’amministrazione Trump.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung Galaxy S21, svelata l’intera linea e le caratteristiche tecniche

Huawei può nuovamente commerciare con Qualcomm: cosa cambia

Huawei emui 11
Ecco cosa cambierà per il colosso di Shenzen (Adobe Stock)

La notizia è ufficiale, ed è stata riportata da Reuters: Qualcomm ha ottenuto i permessi commerciali dagli Usa, e potrà tornare a commerciare con Huawei. L’azienda di Shenzen può quindi sorridere e – con ogni probabilità – sostituirà i chip di HiSilicon Kirin con quelli dell’azienda produttrice di semiconduttori. Bernstein Stacy Rasgon, un analista molto affermato, ha però dichiarato che la licenza avrà comunque un impatto limitato, in quanto copre solo i chip 4G. Ormai i consumatori sono invece più propensi ai dispositivi 5G, e potrebbero non accogliere favorevolmente questa notizia.

In realtà, l’analista ha poi svelato che non sono ancora chiarissimi i dettagli dell’accordo. Potrebbe infatti esserci la concessione anche per commerciare chip con modem 5G integrato. Le altre aziende ad aver ottenuto i permessi commerciali con Huawei sono Samsung Display e le due giapponesi Sony e Kioxia.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Huawei, svelato il programma “Try & Stay”: chiunque può diventare tester