Huawei P50, altra data pronta a scandire l’uscita: sarà quella giusta?

Altro giro di indiscrezioni legate all’uscita di Huawei P50. Sarà davvero la volta buona? Intanto la società cinese studia una mossa per abbattere i prezzi.

Huawei P50 uscita
Nuove speranze circa l’imminente uscita di Huawei P50 (Immagine by RODENT950)

Le indiscrezioni attorno alla nuova gamma Huawei P50 continuano ad incedere sul web e lo faranno almeno fintantoché il sodalizio cinese non si deciderà a tirar fuori i suoi smartphone, peraltro i primi in assoluto ad essere animati dalla piattaforma proprietaria HarmonyOS. I molteplici ritardi – provocati dalla necessità di completare il progetto legato al software, pilastro centrale della ricostruzione di Huawei – hanno spinto più in là la data di presentazione dei futuri flagship ben oltre le attese e le ipotesi. Eppure, qualcosa potrebbe sbloccarsi già nelle prossime settimane.

Stando ad alcuni rumors avanzati su Weibo (social network molto in auge in Cina, ndr), i nuovi Huawei P50 dovrebbero esser presentati nella fatidica giornata calendarizzata per il 29 luglio. Una data da segnare in rosso ma che dovrà ovviamente esser confermata dal sodalizio cinese. Anche in passato abbiamo fatto i conti con indiscrezioni più o meno plausibili su carta ma tuttavia amaramente smentite dalla secca e fredda realtà fattuale. L’auspicio è che quella di luglio sia stavolta una finestra temporale corretta.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Robert Lewandowski finisce dentro ai nuovi Huawei Watch 3 e 3 Pro

Le mosse di Huawei per abbassare i prezzi dei nuovi P50

Huawei P50 uscita prezzi
Un assaggio dell’estetica di Huawei P50 Pro (Fonte: Voice.com – Steve Hemmerstoffer)

Parallelamente alla data di esordio dei nuovi smartphone Huawei, si affaccia sul web una ipotesi – sempre proveniente dalla lontana Cina – dagli effetti a dir poco dirompenti: complice l’emergenza pandemica ancora in corso e le consequenziali difficoltà che potrebbero innescarsi sul potere di spesa dei consumatori, la compagine di Shenzhen potrebbe decidere di ufficializzare una flotta di dispositivi mobili per lo più abilitati soltanto al 4G.

Detto in altri termini, verrebbe sacrificata (quantomeno in piccola parte) la connettività 5G, accorgimento che permetterebbe a Huawei di tagliare i prezzi valevoli per l’acquisto dei suoi “gioielli”. In realtà, dietro a questa mossa – ancora tutta da confermare, si badi – potrebbe anche addensarsi una scelta squisitamente commerciale: far in modo, cioè, che i nuovi P50 abbiano prezzi inferiori rispetto alla concorrenza, le cui proposte stanno nel frattempo calando fisiologicamente nei loro listini complice alcuni sconti. Si vuole evitare, in buona sostanza, che i primi smartphone HarmonyOS non siano troppo di “nicchia”. Una mossa effettivamente molto plausibile, sebbene ancora tutta da confermare. In ogni caso, è indubbio che i nuovi Huawei P50 saranno anche in 5G e resterà adesso da vedere se lo saranno integralmente o soltanto per una residuale parte.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Huawei Mate 50, non tutto è perduto: le indiscrezioni dalla Cina

Infine, un ultimo accenno sulle caratteristiche dei dispositivi. Una terza voce, infatti, ritiene che i prossimi smartphone di Huawei faranno sfoggio del sensore ultra-grandengolare più grande in commercio, ossia uno speciale componente – nello specifico, il Sony IMX800 – impreziosito da una dimensione pari a 1/1,18 pollici. Anche in questo caso vale il ragionamento di prima: al fine di una riduzione dei listini, tale peculiarità potrebbe essere riservata soltanto ad alcuni specifici modelli e in quest’ottica ci aspettiamo che possa essere parte integrante della scheda tecnica di Huawei P50 Pro+.