Huawei, senza Google si apre la via a Docs e Petal Maps – VIDEO

Huawei dopo il “No” ricevuto dall’America si trova in grande difficoltà. Tuttavia questa importante restrizione le ha permesso di creare una propria strada verso l’innovazione

Dopo la restrizione imposta dall’America ai danni di Huawei, ha avuto non pochi problemi per mantenere il mercato della tecnologia mobile. Questa significativa situazione ha avuto un duplice effetto, per fortuna.

Difatti ha permesso all’azienda di doversi aggiornare per fronteggiare il problema. Questo a causa della mancanza dei servizi di Google che completavano le sue caratteristiche.

Il tutto si è tradotto in una nuova presentazione di app e servizi offerti in attesa dell’approdo del nuovo sistema operativo presentano nel 2019, HarmonyOS.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Huawei FreeBuds Studio, IA per la cancellazione del rumore: i dettagli

Huawei, le soluzioni senza più i servizi Google

harmonyOS (Huawei)
Huawei HarmonyOS

Pertanto per cercare di ovviare alla grossa mancanza subita, è corsa subito ai ripari con l’ideazione di app di propria creazione. Quella di punta è senza dubbio Petal Maps, con lo scopo di sostituire Google Maps.

La nuova app di navigazione è interamente studiata ed ottimizzata per i dispositivi dell’azienda cinese, con specifiche caratteristiche per il top di gamma presentato recentemente.

Stiamo parlando del Mate 40, il quale prevede una completa interazione senza relazionarsi in modo diretto con Petal Maps, attraverso le Air Gesture.

La grandiosa offerta si completa di mappe in 2D e 3D, localizzazione e posizionamento, info-traffico, diverse modalità di navigazione e la possibilità di destinazioni preferite. Per 140 paesi, compresa l’Italia, è disponibile tutto il pacchetto sopra citato.

Un’altra importante novità è rappresentata anche dalla suite Docs per editare e consultare documenti nei formati di lavoro da condividere poi sul cloud. Accedere da più dispositivi in base alle necessità, è una delle possibilità comprese nella suite. I dispositivi che ne possono fare uso devono avere l’aggiornamento EMUI 11.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Huawei Mate 40 Pro, arriva la rivoluzione fotografica