Huawei e Leica, aria di crisi? Sharp potrebbe approfittarsene

Huawei e Leica potrebbero dirsi addio dopo una fruttuosa collaborazione iniziata nel 2016 con lo storico P9, primo smartphone con sensore monocromatico.

Huawei Leica
Il matrimonio tra Huawei e Leica potrebbe finire con il lancio della serie P50 (AdobeStock)

Dopo i servizi Google, gli smartphone Huawei – quantomeno i top di gamma – potrebbero perdere un altro importante pezzo. Non si tratta di un elemento di tipo software, ma di una firma che ha senz’altro contribuito al successo commerciale del sodalizio cinese: stiamo parlando di Leica, storica azienda specializzata nel settore fotografico. La notizia arriva un po’ inaspettatamente ed è rilanciata su Twitter dall’affidabile RODENT950, la stessa fonte che, per inciso, ci ha permesso di guardare con occhi diversi la parte posteriore dei prossimi Huawei P50.

La collaborazione tra i due brand va avanti con profitto sin dal 2016 ed è coincisa con il lancio dell’ormai storico Huawei P9, primo smartphone a far sfoggio di una fotocamera in grado di realizzare scatti in bianco e nero. Una data cruciale, alimentata costantemente negli anni a seguire da dispositivi sempre più performanti sotto il fronte fotografico, a tal punto da riuscire a conquistare i vertici del settore. In tal senso, gli ultimi P40 Pro Plus e Mate 40 Pro Plus rappresentano ad oggi quanto di meglio l’industria smartphone possa offrire in termini fotografici, complice l’ottimo connubio hardware e software.

POTREBBE INTERESSARTI>>> Atomik, il mistero della vodka di Chernobyl

Sharp pronta a rilanciare Leica

Eppure, il miglioramento delle fotocamere degli smartphone Huawei non sarebbe addebitabile unicamente al contributo di Leica. Come spiegato dalla stessa fonte, la patnership tra i due brand si è degradata negli anni sino al punto da tradursi in una mera mossa marketing o biglietto da visita da far sfoggio nelle locandine promozionali. In particolare, a far da spartiacque sarebbero stati i vecchi P10 e Mate 10, ossia gli ultimi dispositivi frutto di una fattiva collaborazione tra i due brand che avrebbe abbracciato tanto la parte componentistica – nel caso di specie, le lenti – quanto quella squisitamente software (ossia, la realizzazione dell’app fotocamera). Da lì in avanti, gli smartphone top di gamma commercializzati dal gigante di Shenzhen avrebbero camminato un po’ per la loro strada e i miglioramenti alle fotocamere sarebbero riconducibili più all’opera di Huawei che dalla stessa Leica.

POTREBBE INTERESSARTI>>> Digitale Terrestre, ancora novità in tutta Italia: eliminati diversi canali TV

La prossima serie Hauwei P50 – verosimilmente annunciata a giugno insieme alla piattaforma software HarmonyOS – sarà pertanto l’ultima a far sfoggio della firma della storica azienda tedesca fondata nell’ormai lontano 1914. Una sorta di spartiacque, a conferma di un rinnovamento a tutto tondo del sodalizio cinese, intenzionato comunque a recuperare il terreno perduto dopo le fisiologiche difficoltà provocate dalle restrizioni imposte dagli USA.

Vedremo se l’indiscrezione troverà conferma, ma nel frattempo Leica pare averci preso gusto con il settore degli smartphone. A giudizio della stessa fonte, il brand cinese avrebbe avviato delle interlocuzioni con altre società tecnologiche cinesi, in particolar modo con Sharp, in rampa di lancio per prendere il posto lasciato vacante da Huawei.