Hacker e nuove minacce, quali sono le estensioni Chrome da eliminare

Nonostante il periodo di festa, sia gli hacker che i cybercriminali non si sono fermati. Ecco le 3 estensioni Chrome incriminate e che devono essere eliminate 

Hacker
Hacker cybercrime (pixabay)

Gli hacker non si sono fermati per Natale, costringendo anche le aziende di cybersicurezza a lavorare per una soluzione immediata. La mattina del 24 dicembre sono state intercettate dall’azienda russa Kaspersky Lab numerose chiamate, con lo scopo di scaricare un codice molto pericoloso. 

È per questo motivo che sono giunte un enorme quantitativo di segnalazioni da parte degli utenti. In poco tempo sono state individuate circa 20 estensioni di Chrome/Edge attivate in tutto il mondo. questi i nomi delle tre più pericolose: Frigate Light, Frigate CDN e SaveFrom.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Digitale Terrestre e switch off a DVB-T2: le date per ogni regione

Hacker all’attacco, come disinstallare le estensioni compromesse di Chrome

Hacker
Hacker cybercrime (pixabay)

In particolar modo l’ultima ha avuto terreno fertile in Italia perché dà la possibilità di scaricare video dalle piattaforme di streaming come YouTube, Vimeo, Facebook, Twitter e molti altri. Le 20 estensioni in questione sono state scaricare da più di 8 milioni di utenti. Perché è tanto pericoloso? Di fatto in quanto appartiene alla famiglia di virus Trojan.Multi.Preqw.gen. 

Si tratta di un virus che ha lo scopo di generare un gran traffico verso determinati video al fine di truffare utilizzando i circuiti pubblicitari. L’utente in questione non vede niente in quanto si tratta di un Player eseguito in background. L’unico campanello d’allarme è rappresentato dal rallentamento della connessione internet, causata da un traffico anomalo e generato proprio dal malware in questione.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Xiaomi Mi 11 verrà presentato oggi: prezzi e caratteristiche tecniche

Per proteggersi da questi tipi di attacchi, la soluzione è di sicuro quella di avere un ottimo antivirus che avverte l’utente in tempo reale del pericolo presente sul proprio PC. In questo modo l’estensione in questione viene disinstallata in modo automatico. Se invece non ha nessuna protezione, si deve disinstallare in modo manuale in quanto non è escluso che si tratti di applicazioni che possano essere utilizzate in futuro.