Digitale Terrestre e switch off a DVB-T2: le date per ogni regione

Nel corso del 2021, il Digitale Terrestre procederà a passo spedito verso lo switch off a DVB-T2. Ecco le date regione per regione

digitale terrestre
Digitale Terrestre, quando avverrà il passaggio a DVB-T2 (Adobe Stock)

Il 2021 sarà un anno di rivoluzione per il Digitale Terrestre, pronto allo switch off definitivo a DVB-T2. Si tratta fondamentalmente di un nuovo standard di riproduzione, con nuove frequenze che permettono la sola visione dei canali in HD. Questo comporta il passaggio obbligatorio a TV e decoder di ultima generazione, che garantiscano l’aggancio ai nuovi canali.

Se non ne siete ancora provvisti, c’è la possibilità di usufruire del Bonus TV – del valore di 50 euro – messo a disposizione da parte del Governo. Già nel corso delle ultime settimane, diversi canali hanno cambiato numerazione o addirittura sono stati rimossi. Ecco le date regione per regione che porteranno allo switch off definitivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Effetto COVID: perfino Samsung paga dazio, milioni di perdita

Digitale Terrestre, le date dello switch off a DVB-T2

digitale terrestre
Le date dello switch off (Adobe Stock)

Il 2021 sarà l’anno dello switch off del Digitale Terrestre a DVB-T2. In totale, l’Italia verrà suddivisa in 4 aree diverse con date specifiche. Si parte dalla 1 e dalla 3, che perderanno il “vecchio segnale” tra l’1 settembre e il 31 dicembre 2021. Nello specifico, le regioni interessate sono le seguenti: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Trento e Bolzano, Veneto e Valle d’Aosta.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Huawei brevetta una nuova batteria: la sua durata è super

Per quanto riguarda l’Area 2 – che comprende Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna – bisognerà attendere il periodo compreso tra l’1 gennaio 2022 e il 31 marzo 2022. Infine l’area 4, che include le regioni di Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, nella quale lo switch off sarà completato tra l’1 aprile 2022 e il 20 giugno 2022. Per qualsiasi altra informazione in merito, sarà il Governo stesso a darne comunicazione tramite i propri canali ufficiali.