Google TV rimpiazza Chromecast: Android TV e telecomando

Google TV
(WinFuture.de)

Il dongle si aggiorna ed emergono le prime indiscrezioni sul suo erede, Google TV. Dalle prime immagini trapelate si nota il telecomando, sotto il cofano invece ci sarà Android TV.

Dopo le tante ipotesi circolate negli scorsi mesi, è il sito tedesco WinFuture ad aver diffuso quelle che potrebbero essere le prime immagini ufficiali del nuovo dispositivo, la cui presentazione è attesa nel corso dell’evento Google del prossimo 30 settembre. A catalizzare l’attenzione è ovviamente il telecomando, vera novità, i cui tasti rivelano alcune delle nuove funzioni. Oltre a un pad centrale per la navigazione nei diversi menù infatti, spiccano tre tasti dedicati ad altrettanti servizi: Netflix, Youtube e, immancabile, l’Assistente vocale del colosso di Mountain View.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Whatsapp presto sarà utilizzabile in più dispositivi

Chromecast diventa Google TV: trapelano le prime immagini del nuovo dispositivo

Google tv
(WinFuture.de)

Altra novità sostanziale è la presenza del sistema operativo Android TV on board, che di fatto svincola per la prima volta il dongle di Google dallo smartphone. Con il nuovo OS cambierà ovviamente anche l’esperienza utente, introducendo nuove funzioni. I tasti per la regolazione del volume trovano posto sul lato del telecomando, le porte invece solo quelle classiche: USB C per alimentare il dongle e HDMI per la connessione a un pannello ad alta risoluzione.

Tra le specifiche tecniche c’è il processore AMLogic S905X2, con quattro core e 2GB di RAM. Supportato il 4Kp75 10-bit H.265, HDR, HDR10, HLG e Dolby Vision. Buone notizie anche per il comparto dei giochi, con la compatibilità con la piattaforma Stadia che dovrebbe essere confermata. Per poterci mettere le mani bisognerà aspettare relativamente poco, il debutto sul mercato è infatti previsto per il mese di ottobre a un prezzo che dovrebbe aggirarsi intorno ai 79 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tim, Giga illimitati nella nuove offerta: come attivarla