Giornali gratis su Telegram, uomo arrestato per violazione del copyright

telegram halloween
Telegram, disponibile un nuovo aggiornamento (Pixabay)

Giornali gratis su Telegram, tantissimi canali offrono questo servizio illegale. Oggi un uomo è stato arrestato proprio per questo motivo.

Telegram è una piattaforma davvero molto diffusa, che permette la circolazione di dati e di informazioni con estrema velocità. Si parla infatti di una piattaforma che serve non solo per messaggiare velocemente in chat private, ma anche la creazione di canali, gruppi in cui una o più persone possono condividere qualcosa con migliaia, decine di migliaia di iscritti. E infatti nascono sempre gruppi nuovi, con tante novità e con contenuti interessanti. Per le offerte le notizie più interessanti, vi invitiamo anche a seguire il nostro canale ufficiale Telegram. Tra i tanti canali, però, ci sono anche alcuni che sono fortemente illegali, come quello che stamane la polizia ha individuato e sgominato, arrestandone il proprietario con un’operazione definita “Breaking News”.

LEGGI ANCHE —> Microsoft vs Amazon: l’obiettivo sono i satelliti per il cloud computing

Giornali gratis su Telegram, uomo arrestato per violazione del copyright

Tutto è partito con una denuncia. E’ stato il Direttore responsabile del quotidiano di Messina “La Gazzetta del Sud” che per primo ha segnalato il canale Telegram in questione. Proprio in seguito alla sua segnalazione la Polizia Postale ha iniziato l’attività investigativa e a cercare di comprendere esattamente chi fosse il responsabile del canale. Parliamo infatti di un gruppo Telegram che mette continuamente giornali online gratis, facendo perdere all’editoria migliaia di euro ogni giorno. Ad essere arrestato stamene è stato un uomo, disoccupato, di 46 anni. Egli è ritenuto responsabile di ricettazione e violazione del diritto di autore. Nelle prossime ore ci saranno ulteriori accertamenti e ovviamente il processo. E’ l’inizio di controlli importanti su Telegram, che è attualmente sotto la lente di ingrandimento per un’altra faccenda non proprio piacevole.

LEGGI ANCHE —> DeepFake su Telegram, Italia apre inchiesta contro la piattaforma