DAZN sorpassa Sky nella corsa ai diritti Tv. C’è TIM che aiuta

Se Sky attacca, DAZN risponde. Champions ed Europa League 2021-2024 vanno alla Tv di Murdoch, insieme alla Conference League. I londinesi però sono in corsa, e pare anche in grande vantaggio, per la Serie A. 

Serie A TIM (Adobe Stock)
Serie A TIM (Adobe Stock)

In caso (probabile) di vittoria, DAZN diventerebbe il principale “fornitore” di partite della Serie A italiana, non limitandosi più alle tre partite finora detenute (Saturday Night, Lunch Match della domenica e una terza partita a caso).

Diritti Tv: Serie A a portata di mano. DAZN a un passo

Calcio e Dazn accoppiata vincente (Adobe Stock)
Calcio e Dazn accoppiata vincente (Adobe Stock)

Quella dei Diritti Tv sta diventando una corsa a ostacoli: i rinvii e le baruffe delle ultime settimane, hanno portato la Lega a posticipare in extremis il termine ultimo delle domande, fino al 28 febbraio.

LEGGI ANCHE >>> Covid 19, la variante inglese sarebbe molto più letale secondo alcuni studi

Attualmente l’OTT ha offerto 840 milioni all’anno per assicurarsi i Diritti TV (7 partite di A in esclusiva e 3 in coabitazione che ne valgono almeno altri 70) mentre la proposta di Sky è di 750 più la creazione di un canale della Lega (che potrebbe fruttarne altri 70). DAZN in vantaggio su Sky.

LEGGI ANCHE >>> Xiaomi festeggia il carnevale. E indossa la “maschera” da iPhone

Il servizio a pagamento inglese, fondato a Londra da DAZN Group (già Perform Group) l’8 luglio 2015, disponibile in 30 Nazioni tra cui Germania, Austria, Svizzera, Giappone, Italia, Canada, Stati Uniti d’America, Spagna, Brasile e Albania, avrebbe un asso nella manica per sopperire al problema della connessione. Un attrezzo magico per aprire le porte della Serie A.

I presidenti dei club di A hanno valutato positivamente l’offerta di DAZN di 840 milioni di euro a stagione, ma hanno chiesto alla pay TV una serie di garanzie per evitare il ripetersi dei problemi di connessione, che troppo spesso colpiscono (ancora) DAZN, sin dalla sua nascita.

Il broadcaster avrebbe fornito rassicurazioni sullo stato della rete italiana, migliorata sia a livello di copertura sia di capillarità rispetto al 2019, grazie alla partnership tecnica con TIM, guarda caso Main Sponsor della Serie A.

TIM ufficialmente smentisce, ma secondo rumours che cominciano a fare rumore, ci si appoggerebbe al digitale terrestre per ottimizzare le proprie prestazioni e rispondere positivamente alla condicio si qua non delle società di Serie A.

Una nuova modalità di trasmissione televisiva, un canale di backup. DAZN vincerebbe la corsa ai Diritti TV, mentre TIM avrebbe intenzione di prendere lo streaming di DAZN per la singola partita, trasmettendolo criptato via DVB-T2 sul digitale terrestre, usando il suo Tim Vision Box per la ricezione e la decodifica.

Così, solo i clienti TIM, con una ADSL o una connessione vecchia, collegando il TIM Vision Box ad un cavo antenna riceverebbero le partite tramite digitale terrestre.