Condividere l’account Netflix potrebbe costarvi carissimo

Il colosso dello streaming di film e serie TV ha avviato una fase di test limitata ad alcuni territori per “studiare” la risposta del pubblico alle potenziali nuove modifiche. Condividere l’account Netflix potrebbe portare infatti a un rincaro degli attuali prezzi

Netflix sta vagliando un nuovo giro di aumenti per i suoi abbonati. Il condizionale è d’obbligo e non a caso lo abbiamo rimarcato anche nel titolo, eppure le notizie che si stanno affacciando in rete dalla tarda serata di ieri non sembrano essere positive. Dopo i rincari in Irlanda ufficializzati soltanto nei giorni scorsi e l’analogo ritocco disposto prima ancora negli Stati Uniti e Canada, un altro “terremoto” si è abbattuto sugli abbonati Netflix.

Condividere account Netflix aumenti
Aumenti in vista per chi condivide l’account Netflix? (AdobeStock)

Anche in questa volta non ci sono ripercussioni per gli italiani, ma sono le prospettive future che non lasciano dormire sogni tranquilli. Cos’è successo stavolta? Netflix ha in pratica dato il via a un test ufficiale, circoscritto per il momento in alcuni limitatissimi territori (segnatamente, Cile, Costa Rica e Peru) che coinvolge gli utenti Standard e Premium di questi paesi. Per effetto delle nuove modifiche, gli abbonati avranno l’opportunità di condividere l’account Netflix con al massimo due persone con le quali non sono conviventi, e ciò sarà possibile grazie alla creazione di veri e propri “sotto-account” appositamente dedicati a quest’ultimi, con tanto di login e password univoci oltre che profilo e contenuti consigliati (che tuttavia potranno essere importati dagli altri profili esistenti).

Condividere account Netflix: potenziali rincari per gli utenti?

Condividere account Netflix aumenti
La fase di test è limitata per il momento a tre specifici territori (AdobeStock)

La novità più importante è tuttavia un’altra: questa possibilità prevedrà il versamento di una cifra aggiuntiva variabile in base al territorio in cui è attiva la fase di test. Si parte, nel caso di specie, da un surplus di 1,92 euro in Peru fino ad arrivare a 2,73 euro in Cile per ogni singolo “sotto-account”. Cifre che sono state tradotte in euro in base al cambio attuale, si badi bene.

Se le modifiche dovessero essere estese anche in Italia, si avrebbe quindi un rincaro di circa 5 euro per condividere l’account Netflix con due persone fuori dalla propria abitazione. Come detto anche a inizio articolo, il condizionale è d’obbligo giacché trattasi ancora di una fase di test limitata soltanto ai territori sopramenzionati. Neflix, in buona sostanza, vedrà quale sarà la risposta del pubblico e su questa base deciderà poi se estendere tali modifiche anche verso gli altri territori. Il colosso dello streaming di film e serie TV sta studiando insomma modi alternativi per incrementare il costo dell’abbonamento e l’ultima “sperimentazione”, se così si può dire, potrebbe toccare la condivisione degli account. Staremo a vedere.