Cashback, in arrivo limite minimo di spesa? L’ipotesi del Governo

Possibili novità in arrivo per il Cashback di Stato. Tra le tante modifiche, il Governo starebbe pensando ad un limite minimo di spesa 

cashback
Cashback, nuova ipotesi anti furbetti lanciata dal Governo (Pixabay)

Prosegue senza particolari intoppi il Cashback di Stato, piano che prevede il rimborso parziale delle spese effettuate dai cittadini italiani iscritti all’app IO della Pubblica Amministrazione. A tal proposito, solamente poche ore fa sono stati pubblicati alcuni rapporti che parlano di un Governo pronto a chiudere tutto a fine 2021. I rumors stanno continuando a rincorrersi, con alcune modifiche che a breve l’esecutivo Draghipotrebbe introdurre.

Sotto la lente di ingrandimento i cosiddetti “furbetti del Cashback”, che stanno dilazionando i propri pagamenti così da ottenere maggiori transazioni e più rimborsi. Il MEF ha aperto ufficialmente al ban per tutti gli utenti che agiscono in questo modo, mentre alcuni partiti hanno proposto di modificare il sistema di rimborso. Ecco cosa potrebbe succedere nelle prossime settimane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Hacker rubano dati di 5 milioni di persone iscritte su Adecco

Cashback, ipotesi limite minimo di spesa per i rimborsi

Pagamenti online (Adobe Stock)
Si parla di un possibile limite minimo di spesa (Adobe Stock)

Il Governo vuole difendere il Cashback di Stato dai cosiddetti “furbetti”, che dilazionano i pagamenti al fine di registrare più transazioni e ottenere il rimborso. Laura Castelli, viceministro del MEF, è intervenuta a difesa dell’iniziativa. “Le risorse impiegate sono molteplici, non è solo una lotta all’evasione ma una vera e propria misura per cambiare il modo dei cittadini di utilizzare il denaro” le sue parole, alle quali ha aggiunto: “Una maggioranza così ampia ci permetterà di fare un ragionamento diverso, che non sarà solo usare questi 4 miliardi in altre maniere. Abbiamo intrapreso un processo dal quale non si può tornare indietro, la moneta elettronica”.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Xiaomi faciliterà l’uso degli smartphone per gli anziani: la strategia

L’idea di alcuni partiti è quella di introdurre una soglia minima di spesa anti furbetti. Fissando un limite sotto il quale non ci si può avvalere del Cashback, sarebbe molto più complicato dilazionare i pagamenti per scalare la classifica ed accumulare transazioni. Al momento si tratta solo di un’ipotesi, ma è chiaro che nei prossimi giorni potrebbero esserci maggiori sviluppi in questo senso.