Cashback e la beffa dell’ultima ora: potrebbe succedere a tutti

C’è un particolare punto nelle FAQ del Cashback che preoccupa. Una beffa dell’ultima ora che potrebbe capitare a chiunque

cashback
Cashback, c’è una possibile beffa che potrebbe verificarsi nelle ultime ore (Adobe Stock)

Siamo quasi agli sgoccioli. La prima fase semestrale del piano Cashback volge al termine, con quest’ultimo mese e mezzo che sarà determinante per capire chi potrà ottenere il Superbonus finale del valore di 1500 euro. I partecipanti si stanno dando battaglia a suon di transazioni, con una soglia minima per piazzarsi in graduatoria che sale a vista d’occhio ed è quasi insostenibile.

I furbetti stanno continuando con le loro mosse vincenti, tagliando fuori tutti coloro che continuano a tentare la sorte in maniera “pulita”. Intanto, c’è un particolare punto che è stato spiegato nelle FAQ ufficiali sul sito e che potrebbe comportare una beffa dell’ultima ora a molti utenti. Non stiamo parlando di potenziali squalifiche o altro, ma di un possibile testa a testa finale che rischia di tagliare fuori alcune persone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, Apple e Google hanno salvato migliaia di vite nel Regno Unito

Cashback, ecco cosa succede in caso di pari transazioni

cashback
A parità di transazioni, verrà preso in considerazione un altro dato utile (Pixabay)

Arrivare a fine giugno con un numero di transazioni valido per piazzarsi in graduatoria, ma con altre persone che hanno concluso con gli stessi numeri: cosa succede? Come confermato dal Ministero dell’Economia con le FAQ – pubblicate sul sito ufficiale del piano Cashback – si valuta un dato aggiuntivo. “Qualora ci fosse parità di operazioni valide al termine di ciascun periodo, la priorità l’avrà colui che ha effettuato per primo l’ultima transazione valida” viene spiegato all’interno del regolamento.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Telegram contro Whatsapp, battaglia su Twitter per la sicurezza

Cosa vuol dire questo? Che al momento del rush finale, anche l’orario potrebbe giocare un ruolo determinante per l’ottenimento del Superbonus da 1500 euro. Una beffa che avrebbe dell’incredibile e che potrebbe verificarsi proprio nelle ultime ore di validità del piano Cashback. A parità di condizioni, invece, verrà preso in considerazione colui che è arrivato per primo alla meta.

Anche un minuto potrebbe quindi essere determinante in quest’ottica, seppur si tratti di uno scenario piuttosto complicato. C’è poi da considerare che si stanno valutando sanzioni per i famigerati furbetti. Un eventuale ripescaggio andrebbe a favore di coloro che sono rimasti fuori all’ultimo, anche per una parità di transazioni.