Apple vuole stupire ancora, il nuovo visore avrà una configurazione mai vista prima

Stando a quanto emerso da un report, Apple starebbe pensando ad una configurazione innovativa per il suo primo visore VR

apple visore 20220105 cellulari.it
Il nuovo visore per la realtà aumentata di Apple avrà una configurazione unica (screenshot)

Il 2022 sarà l’anno della realtà aumentata. Meta sta lavorando da mesi al suo primo visore, ma anche la concorrenza non vuole essere da meno. Basti pensare ad Apple, il cui primo apparecchio AR/VR di sua proprietà farà probabilmente l’esordio nel mercato già di quest’anno.

Stando a quanto si legge in un rapporto di DSCC, oltre alla conferma del periodo di lancio, c’è un’altra super novità alla quale starebbe pensando il gigante di Cupertino. Si tratta nello specifico della configurazione che verrà utilizzata per l’apparecchio, innovativa e mai vista prima d’ora.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Ricarica rapida per gli smartphone: la Cina è compatta, nasce un consorzio di super marchi

Visore Apple, si lavora ad una configurazione con tre display

apple visore 20220105 cellulari.it
Si parla dell’ausilio di ben tre display distinti, come mai successo prima d’ora (Adobe Stock)

Se la notizia lanciata da DSCC dovesse rivelarsi veritiera, prepariamoci ad un visore Apple con una configurazione a tre display. Dovrebbe essere Sony a fornire i pannelli Micro OLED 4K con 1,4 pollici in diagonale. E la stessa Apple potrebbe poi inserire anche un display AMOLED a bassa risoluzione per la visione periferica. Mai prima d’ora un visore per la realtà aumentata aveva pensato di adottare una simile architettura, ma chissà che non possa rivelarsi il futuro del VR.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Xiaomi a prova di frode: MIUI 13 blindata contro le truffe telefoniche

Il rapporto conferma anche le indiscrezioni lanciate nei giorni scorsi da Bloomberg. Il prezzo dovrebbe costare diverse migliaia di dollari e non essere dunque accessibile a tutti. Il target di riferimento dell’azienda è infatti quello dei professionisti e degli sviluppatori. Il lavoro da fare è ancora molto, e non si è arrivati ad un prodotto finito. Tra le ipotesi in ballo, c’è la possibilità di installare più fotocamere per il tracciamento delle mani. Ma anche di adottare un SoC il più potente possibile, così da poter assorbire il carico di lavoro che verrà generato dal visore in questione.