Android Auto senza… Android: Jolla lancia AppSupport al Ces 2022

La casa finlandese che produce Sailfish OS lancia il supporto per Linux delle app sviluppate per il sistema operativo di Google.

Sailfish OS 050122 cellulari.it (Sailfishos.org)
(Sailfishos.org)

Android Auto sarà presto disponibile senza bisogno di montare il sistema operativo di Google sui veicoli. Una delle novità più interessanti in programma al CES 2022 di Las Vegas riguarda il sistema AppSupport presentato da Jolla, la company finlandese che sviluppa Sailfish Operating System. Il sistema operativo a base Linux sarà in grado di far girare le applicazioni sviluppate per Android in auto e anche – precisa Jolla – su altri tipi di dispositivi, senza bisogno di aggiustamenti da parte dei programmatori.

Per ora AppSupport è rivolto principalmente ai produttori di auto elettriche, comunque. La tecnologia consentirà di installare ed eseguire app Android sul sistema operativo UX messo a disposizione dalle stesse case automobilistiche. Gli utenti, cioè, saranno in grado di usufruire di Android Auto senza bisogno della mediazione di uno smartphone.

AppSupport al servizio della “sovranità digitale” dei vari brand

Jolla 050122 cellulari.it (jolla.com)
(jolla.com)

Dunque, AppSupport è proprio ciò che dice il suo nome: un supporto per far girare le app su un sistema operativo diverso da Android Automotive di Google. In questo caso il software viene eseguito direttamente sul sistema “nativo” della macchina, installato direttamente dal produttore. Sebbene non ci siano notizie ufficiali su quando sarà possibile mettere le mani su AppSupport, il team di Jolla ha annunciato che “la tecnologia è già pronta per il mercato (“market ready”) ed è già stato selezionato da uno dei più importanti produttori europei“. Per saperne di più, bisognerà aspettare novità dal CES 2022, dove AppSupport sarà presentato in questi giorni.

LEGGI ANCHE>>>Il miglior smartphone Android di dicembre 2021? C’è un solo vincitore (secondo AnTuTu)

Come accennato sopra, AppSupport non è limitato alle auto e può essere utilizzato su qualsiasi piattaforma Linux: “Altri settori di utilizzo per AppSupport – si legge nella brochure di Jolla – sono i punti vendita e i distributori automatici, la logistica e in generale il mondo dell’IoT, perché conferisce a un dispositivo la capacità di eseguire una app senza la necessità di sviluppo specifico o modifiche aggiuntive”.

TI POTREBBE INTERESSARE—>Google Maps, altro bug su Android Auto: cosa sta succedendo – VIDEO

Proprio la possibilità di sfruttare app concepite per Android in un contesto Linux – Sailfish OS, nel caso di Jolla -, permetterà a un produttore di presentare all’utente unicamente il proprio marchio. Un’opzione decisamente vantaggiosa sul piano del branding, secondo il CEO di Jolla Sami Pienimaki: “Abbiamo lanciato la nostra azienda – ha spiegato il numero uno dell’azienda – con la visione e la promessa di fornire soluzioni indipendenti, che si traducono in sovranità digitale e opportunità di monetizzazione più grandi per i nostri clienti”.