Google Maps, altro bug su Android Auto: cosa sta succedendo – VIDEO

Moltissimi utenti stanno segnalando un fastidioso bug di Google Maps su Android Auto. Ecco cosa sta succedendo

google maps android auto 20211227 cellulari.it
Altro bug colpisce Google Maps su Android Auto (Screenshot YouTube)

Da ormai diverso tempo, Google sta puntando in maniera decisa su Android Auto. Si tratta di un sistema di infotainment che vuole rendere l’esperienza di guida per gli utenti il più possibile integrata e comoda. Tra le varie app disponibili all’interno del sistema, non poteva non esserci Google Maps per la navigazione.

Di recente, però, moltissimi utenti stanno segnalando un fastidioso bug che – di fatto – rende l’applicazione inutilizzabile. Come mostrato anche da video, avviene una sorta di riavvio ciclico del servizio mentre è in modalità navigazione. Addirittura ogni 5-10 minuti, indipendentemente dal device collegato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rimodulazione TIM Business dal primo marzo 2022: cosa cambia

Google Maps e il bug su Android Auto, le segnalazioni degli utenti

Un bug a dir poco fastidioso, che rende inutilizzabile l’app di Google Maps su Android Auto. Moltissimi utenti hanno già segnalato il problema sulle varie piattaforme social, in attesa di una risposta (e di un fix) da parte di Big G. Ogni 5-10 minuti c’è un riavvio dell’intero sistema, senza che l’utente tocchi alcun tasto. E succede con quasi tutti i device con sistema operativo Android. Tra Huawei Mate 20 Pro, Google Pixel 3 XL, Vivo X70 Pro e chi più ne ha più ne metta, il problema si sta facendo più serio.

TI INTERESSA ANCHE >>> Galaxy S22 Ultra, fotocamera pronta a stupire grazie all’Intelligenza Artificiale

Sul forum di assistenza si legge tuttavia che, almeno per il momento, l’errore sembra essere di portata limitata e solo per i dispositivi collegati tramite wireless. Al momento, l’unica soluzione valida sembra essere un aggiornamento software rilasciato direttamente da Google. Né il ripristino dello smartphone né la cancellazione della cache, infatti, hanno risolto il problema per gli utenti interessati. Non resta che attendere novità da parte del gigante di Mountain View, ma al momento tutto tace.