Apple non ha fretta: solo i prossimi iPhone 14 di punta avranno questa funzionalità

Tante anticipazioni sui prossimi Melafonini che Apple ha in mente di far uscire in un 2022 che si immagina sempre più nel segno del colosso di Cupertino. Tante anticipazioni sì, che si rincorrono. Che mutano le specifiche degli iPhone 14 che verranno.

Sebbene Apple sia stata la prima a portare una frequenza di aggiornamento elevata sui dispositivi mobili con l’iPad Pro del 2017, i produttori di Android hanno preso l’iniziativa nell’introduzione di telefoni a 90 Hz e 120 Hz e, al giorno d’oggi, non è raro trovare dispositivi di fascia media Android con una frequenza di aggiornamento elevata.

iPhone 14 20220118 cell
iPhone 14 – Adobe Stock

Apple continua a correre con il suo ritmo e, come per i pieghevoli, non sembra avere fretta di renderlo una funzionalità standard sui suoi telefoni: secondo nuove indiscrezioni, infatti, pare proprio che solo iPhone 14 Pro e Pro Max avranno la tecnologia ProMotion.

Tutti e quattro gli iPhone 14 con un pannello a 120 Hz? C’è chi dice no

iPhone 14 20220118 cell 2
iPhone 14 – Adobe Stock

La frequenza di aggiornamento è il numero di volte in cui un’immagine sul display viene aggiornata al secondo. La maggior parte dei telefoni ha schermi a 60 Hz e quelli recenti con display a 90 Hz e 120 Hz rendono i contenuti più fluidi e più reattivi.

LEGGI ANCHE >>> Apple CarKey, non solo BMW: in arrivo nuove auto apribili direttamente dall’iPhone

Apple chiama la sua implementazione ProMotion e l’iPhone 13 Pro e Pro Max dell’anno scorso sono stati i suoi primi telefoni ad avere la tecnologia. Quest’anno, la società dovrebbe introdurre due modelli standard: iPhone 14 da 6,1 pollici e iPhone Max da 6,7 pollici e due varianti Pro: iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici.

LEGGI ANCHE >>> Samsung, una genialata la funzione per le foto: un semplice tocco, e cambia tutto

All’inizio si credeva che solo i professionisti avrebbero ottenuto schermi a 120Hz, quindi è iniziata la voce che Apple stesse considerando di dotare il Max di uno schermo a 120H. Di recente si è pensato che tutti e quattro i Melafonini avrebbero avuto un pannello a 120 Hz. C’è chi dice no.

Ross Young non è di questo avviso. Il noto insider sostiene che BOE, il produttore cinese di display che probabilmente fornirà gli schermi per i modelli non Pro, non sarà in grado di fornire per gli iPhone 14, il tipo di schermi OLED necessari per abilitare una frequenza di aggiornamento dinamica.

L’iPhone 14 e 14 Max, presumibilmente, saranno dotati di un pannello in silicio policristallino, a bassa temperatura. I modelli Pro, invece, dovrebbero probabilmente essere dotati della tecnologia all’ossido policristallino, a bassa temperatura, che consente a un display di regolare la frequenza di aggiornamento in base al contenuto visualizzato per prolungare la durata della batteria. Samsung – e forse LG – forniranno i pannelli LTPO e BOE produrrà gli schermi LTPS per la serie iPhone 14.

Conferme infine sull’odiato, per molti, notch: dovrebbero scomparire nei prossimi modelli Pro di iPhone, per adottare il design con foro. Una variante che potrebbe portare un nuovo sensore da 48 MP per competere con le fotocamere di Samsung, Xiaomi e gli altri big.