Le app più redditizie di ottobre 2020

Ottobre 2020 è un mese che ha segnato, nel mercato delle app, importanti profitti ed introiti. Sono state prese in esame molte app tranne i giochi 

Il mese di ottobre è stato preso in esame per valutare gli introiti delle app mobili più utilizzate. Non sono stati compresi i giochi, ma tutto il resto si. Il report è realizzato per mano di Sensor Tower e dimostra inoltre quali tipi di abitudini sono tipiche degli utenti.

Ogni dato analizzato dal sito di Store Intelligence del mese di riferimento, è stato accuratamente selezionato ed evidenziato per riuscire a recuperare tutte le informazioni riguardanti ogni singola applicazione.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google, la sicurezza di Windows 10 minata da un bug

App, quali le più redditizie secondo Sensor Tower

App
App ricavi ottobre 2020 (via sensortower.com)

Il report della piattaforma di analisi ha evidenziato come prima scelta TikTok, famosa a livello planetario. I download sono compresi sia per quanto riguarda lo Store di Google che quello di Apple, per un ricavo totale di ben 115 milioni di dollari. La percentuale maggiore proviene dalla Cina con un 86%, mentre America e Turchia rispettivamente per un 8% ed un 2% .

Segue a ruota libera con 94 milioni la nota piattaforma per la condivisione video, YouTube, in forte crescita rispetto all’anno precedente. La maggior pare dei ricavi deriva dall’America (56%) e dal Giappone (11%). Poco più in basso si trovano piattaforme quali Tinder, Tencent Video, Disney+, Piccoma, Google One, Netflix e BIGO LIVE.

Tale analisi ha permesso di poter considerare i dati anche per i differenti utilizzatori di Google e di iOS. Nello specifico ha dimostrato che le abitudini sono veramente diverse, anche se i social network sono quelli che hanno gli unici punti in comune. La classifica di Google ha evidenziato sul podio Google One, Piccoma e Disney+ mentre quella di iOS vanta TikTok, YouTube e Tinder.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> iPhone 12, come trasferire i vostri dati sul nuovo dispositivo Apple: la guida