Un’app di allarme criminale. Come funziona e come collega gli utenti agli agenti

Un’app a pagamento. Un’applicazione che divide: da un lato molto importante, dall’altro controverso. L’app di allarme criminale lanciata da Citizen ha aperto il suo servizio di abbonamento da $ 20 al mese a tutti negli Stati Uniti.

Citizen, un'applicazione di allerta criminale (Yahoo)
Citizen, un’applicazione di allerta criminale (Yahoo)

Il piano Protect, che quasi 100.000 utenti hanno testato, per ora nella versione beta, offre accesso 24 ore su 24 al “team di cittadini di agenti Protect altamente qualificati”, come ribadito da Andrew Frame, CEO di Citizen, in un post sul blog.

Allarme criminale, il costo dell’app. E’ disponibile solo su iOS. Ma…

Allarme criminale, un'app da 20 dollari al mese (Yahoo)
Allarme criminale, un’app da 20 dollari al mese (Yahoo)

Protect, che costa $ 19,99 al mese, si basa su un programma beta lanciato all’inizio di quest’anno. Fa parte di un più ampio sforzo di espansione della startup, che ha costruito un sistema di mappatura della criminalità in una piattaforma di trasmissione live mentre sperimentava alcuni servizi di sicurezza privati. Citizen Protect è essenzialmente una linea di assistenza per la sicurezza privata che si fonda su funzionalità dello smartphone, come ad esempio il rilevamento della posizione.

LEGGI ANCHE >>> Stalking e tracciamento con AirTag: attenzione a questa notifica dell’iPhone

Quando gli abbonati aprono l’app Citizen, possono premere un pulsante per chiamare un “Agente di protezione” tramite video, audio o testo. Gli agenti dovrebbero comunicare agli abbonati attraverso scenari non ancora sicuri e aiutare gli utenti a raggiungere un luogo pubblico sicuro, nel caso fosse necessario. Possono chiamare il 911 o un contatto di emergenza designato, fornendo informazioni sulla posizione di colui (o colei) che chiama, oppure avvisare anche gli utenti Citizen nelle vicinanze su ciò che sta accadendo.

LEGGI ANCHE >>> Spotify Premium a 0,99 centesimi al mese? L’ultima trovata della piattaforma

Su iOS, gli abbonati possono anche attivare una “Modalità di protezione” automatizzata. Si imposta l’applicazione per ascoltare un “segnale di soccorso”, dopo di che chiederà se l’utente vuole chiamare un agente, quindi si connetterà a uno automaticamente, se non c’è risposta. Gli utenti possono anche scuotere rapidamente i loro smartphone per connettersi con un agente. Se gli utenti sono in difficoltà ma non possono chiedere direttamente aiuto, gli agenti possono comunque ascoltare tramite il microfono dello smartphone e chiamare il 911 se lo ritengono necessario.

Il servizio principale di Citizen è un’app di monitoraggio dei crimini che pubblica segnalazioni di incidenti di sicurezza nelle vicinanze, in base a suggerimenti degli utenti, dati dello scanner della polizia e altre fonti. È passato anche ai video in diretta, reclutando streamer pagati per coprire le denunce di bambini scomparsi, incendi domestici e scene del crimine.

In una dichiarazione, il CEO di Citizen Andrew Frame ha affermato che Protect segna un’evoluzione da “un sistema unidirezionale” per la trasmissione di avvisi di sicurezza a “un sistema bidirezionale in cui gli utenti possono richiedere aiuto a Citizen”.

Per il momento l’app riguardante l’allarme criminale è disponibile soltanto su iOS (e solo negli Stati Uniti) e quindi esclusiva dei Melafonini, ma Citizen ha già fatto sapere che presto aggiungerà queste opzioni anche su Android.