Android e 5G, il Mec Hackathon 2020 va a due giovani ricercatori italiani

Si chiamano Picone e Mariani e si sono aggiudicati il riconoscimento internazionale per l’innovazione Android che sfrutta la Multi-access Edge Computing (MEC) e reti 5G.

Premio Mec Hackathon Android
La conferenza .droidconitaly (foto da it.droidcon.com)

Sono Marco Picone e Stefano Mariani i vincitori dell’edizione 2020 del Mec Hackathon. La competizione dedicata al Multi-access Edge Computing è organizzata in seno alla conferenza “.droidconitaly”, la due giorni di interventi e keynotes andata in scena la scorsa settimana presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino. Droidconitaly si propone come il piú grande evento a tema Android nel nostro paese.

Nello specifico, Mec Hackathon è un contest che premia gli sviluppatori di app Android per dispositivi mobili che sfruttano le reti 5G abilitate alla tecnologia Multi-access Edge Computing (MEC) con il fine di creare servizi innovativi avanzati. Picone e Mariani sono ricercatori presso il Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria (DISMI) dell’Università di Modena e Reggio Emilia e si sono aggiudicati il premio internazionale con un progetto sul traffico cittadino.

LEGGI ANCHE-> Android Auto, completo supporto per le app di messaggistica

Cosa puó fare la App premiata

App trasporto cittadino reti 5G
Ottimizzazione del trasporto cittadino grazie al 5G (foto da Pixabay.com)

La app di Picone e Mariani è in grado di sfruttare il 5G e il network cellulare per organizzare in tempo reale informazioni geolocalizzate e suggerire agli utenti rotte libere da ingorghi e incidenti, effettuare il rerouting, indicare zone dove sia possibile parcheggiare e in generale fornire ogni altro dato che consenta di ottimizzare gli spostamenti in città.

La vittoria della settima edizione del Mec Hathon consentirà ai due giovani esperti di sistemi distribuiti e Internet of things di candidare la loro applicazione al programma Intel Early Innovation Project. In caso di successo, accederanno di diritto al supporto finanziario e logistico per un progetto di start-up e potranno inoltre partecipare al Software Innovator Program di Intel, gigante dei processori della Silicon Valley.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google Play Store, i migliori giochi e app Android del 2020: la classifica