Amanti del modding? E allora Galaxy Z Fold 3 non è lo smartphone che fa per voi

Il nuovo Galaxy Z Fold 3 è destinato a restare un autentico sogno proibito per gli amanti del modding, complice alcune impattanti limitazioni software applicate da Samsung.

Galaxy Z Fold 3 sblocco bootloader
La difficoltà nello sblocco del bootloader su Galaxy Z Fold 3 (AdobeStock)

Galaxy Z Fold 3 continua a catalizzare l’interesse degli appassionati di tecnologia e non solo, complice l’inserimento di tangibili e in taluni casi anche particolari novità nella scheda tecnica. Si tratta di uno smartphone intrinsecamente innovativo in ragione della sua natura pieghevole ma che, grazie agli ultimi accorgimenti apportati da Samsung, ha compiuto un ulteriore salto di qualità, alzando l’asticella dell’industria mobile.

Insomma, un prodotto completo e dalla vocazione marcatamente produttiva ma che, per qualcuno, potrebbe tuttavia restare un autentico sogno proibito. Il riferimento va soprattutto agli amanti del modding, per i quali Galaxy Z Fold 3 non rappresenta ad oggi lo smartphone ideale per sperimentare con le novità software e il cambio di ROM. Come spiegato infatti dalla community di XDA, lo sblocco del bootloader comporterà una conseguenza a dir poco impattante, vale a dire l’impossibilità di far funzionare la fotocamera. Ma non solo, perché venendo meno l’accesso ai sensori fotografici, saranno pure eliminate tutte quelle specifiche funzionalità software abbinate a tale comparto, come il riconoscimento facciale e qualsiasi app che richiede l’accesso alla fotocamera medesima (banalmente, pensiamo ai programmi per scannerizzare codici QR).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Galaxy Z Fold 3 e Z Flip 3 battono sul tempo la concorrenza: arrivano nuove funzioni esclusive di WhatsApp

Galaxy Z Fold 3, lo sblocco del bootloader comporta l’inutilizzo della fotocamera

Galaxy Z Fold 3 sblocco bootloader
Samsung ha introdotto delle limitazioni software per impedire lo sblocco del bootloader sul suo miglior smartphone pieghevole (AdobeStock)

Si tratta di una limitazione fortemente voluta da Samsung per disincentivare le pratiche di modding sul suo ultimo “gioiello”, peraltro il primo in assoluto se si guarda all’azienda coreana a far sfoggio di una fotocamera frontale sotto al display. Per chi avesse già sbloccato il bootloader su Galaxy Z Fold 3, l’unico modo per continuare a utilizzare la fotocamera e le funzionalità ad essa connesse è – almeno allo stato attuale – il ripristino della situazione originaria, bloccando perciò nuovamente il bootloader.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Galaxy Z Fold 3 e Z Flip 3, ecco quanto costerà riparare lo schermo

Le restrizioni applicate da Samsung hanno fatto infuriare gli avvezzi al modding e siamo convinti che qualcuno si metterà all’opera per aggirare l’ostacolo. Anche perché, vale la pena ribadirlo, la limitazione in questione è soltanto di tipo software: non c’è alcun malfunzionamento alle fotocamere, ma semplicemente una loro preventiva disabilitazione a livello di sistema che scatta nel momento in cui viene sbloccato il bootloader.