Aggiornamenti software solo a pagamento? L’azienda ha deciso di cambiare

Un’idea decisamente insolita, ma che potrebbe funzionare. Una nota azienda fornirà i suoi aggiornamenti software solo a pagamento

aggiornamenti software 20220105 cellulari.it
Un’azienda starebbe pensando di introdurre gli aggiornamenti software a pagamento (Adobe Stock)

Per ciò che riguarda il settore degli smartphone, uno dei temi più discussi è quello legato agli aggiornamenti software. Da anni, grandi aziende come Samsung, Huawei e Xiaomi puntano proprio su questo fattore per attirare nuovi utenti. Tra patch di sicurezza e update vari, sia i modelli di ultima generazione che quelli più datati sono sempre aggiornati.

Ci sono però anche aziende minori che non dispongono delle medesime risorse, e stanno dunque pensando di adottare strategie alternative. È il caso di HMD Global che, secondo quanto si legge, starebbe pensando di introdurre gli update a pagamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Xiaomi a prova di frode: MIUI 13 blindata contro le truffe telefoniche

HMD Global pensa agli aggiornamenti a pagamento, i dettagli

aggiornamenti software 20220105 cellulari.it
Ecco la strategia pensata da HMD Global per i prossimi anni (Adobe Stock)

L’azienda produttrice di smartphone HMD Global starebbe valutando una nuova strategia per gli aggiornamenti del software. Al fine di “allungare la vita” ai modelli più datati, l’idea sarebbe quella di inserire una opzione a pagamento. La maggior parte dei modelli attualmente in commercio può infatti contare fino ad un massimo di tre anni di update. L’idea sarebbe quella di estendere di dodici mesi il supporto alle patch di sicurezza, con dei veri e propri listini. Almeno per il momento, la proposta dovrebbe essere riservata ai Nokia X10 e Nokia X20.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Il 2022 sarà l’anno di Apple? Occhi puntati sugli iPhone 14, MacBook Air. E non solo

A livello di prezzi, invece, è emersa per un tempo limitato nel database la cifra di 24,94 euro. Il tutto è però già stato rimosso, anche se non si sa bene il motivo. C’è chi pensa ad un errore e chi invece è sicuro si sia trattato di una mossa di marketing. La volontà dell’azienda sarebbe stata quella di sondare il terreno e capire come i clienti avrebbero reagito ad una proposta di questo tipo.