10.000 dollari al mese con il fondo YouTube Shorts: il piano per competere con TikTok

Con il fondo per YouTube Shorts, i creatori che utilizzano la nuova funzionalità di video sharing possono guadagnare fino a 10.000 dollari al mese: YouTube offre sempre più incentivi per competere con il successo di TikTok. E in Italia? Ecco tutti i dettagli sull’adesione.

YouTube Shorts
(Unsplash)

YouTube stanzia 100 milioni di dollari per promuovere Shorts, una nuova funzione che permette creare dei video brevi della durata massima di 60 secondi, e offrire degli incentivi per i content creator. Lanciato in Italia in versione beta nel mese di luglio, dovrebbe far fronte all’inarrestabile ascesa di TikTok.

A partire già da agosto è possibile, per i creatori, ricevere tra 100 a 10.000 dollari al mese In Brasile, India, Indonesia, Giappone, Messico, Nigeria, Russia, Sud Africa, Regno Unito, Stati Uniti tramite il nuovo YouTube Shorts Fund. Non c’è menzione dell’Italia, ma Google ha assicurato che il programma dei bonus sarà in prossimo futuro disponibile anche in altri paesi.

LEGGI ANCHE >>> Apple pigia sull’acceleratore, nuova tastiera con Touch ID integrato

Fondo YouTube Shorts, tutti i dettagli per l’adesione

YouTube Home
(Unsplash)

Non c’è ancora chiarezza sui criteri che definiscono il calcolo dei pagamenti, ma dalle prime indiscrezioni si evincono alcune condizioni di Google come le prestazioni totali dei video Shorts del mese precedente e la localizzazione del pubblico. Per accedere al fondo, sempre secondo le prime informazioni, i creator devono essere maggiorenni o avere età superiore di 13 anni negli USA e risiedere in uno dei Paesi dove il fondo è attivo. Nel caso avessero l’età compresa tra 13 e 18 anni, è previsto un tutor per l’account AdSense per i pagamenti.

LEGGI ANCHE >>> Volantino Expert, arriva il “Fuoritutto”: prezzi roventi su tantissimi prodotti

Inoltre è richiesta la pubblicazione di almeno un video Short negli ultimi 180 giorni ed l’adesione alle linee guida della community, ai regolamenti sul copyright e alla policy sulla monetizzazione. Tutti i contenuti devono essere originali. Non saranno idonei i canali che caricano i video di terze parti (film, programmi TV oppure se presentano i loghi di altre piattaforme), e non è prevista una soglia specifica per l’ottenimento dell’idoneità.