YouTube, via gli annunci più profittevoli di Google: nuove restrizioni per le pubblicità

Requisiti più severi per le inserzioni sulla testata di YouTube: via annunci e pubblicità su elezioni e politica, alcool e gioco d’azzardo.

Youtube annunci pubblicità
Le nuove regolamentazioni degli annunci su YouTube effettivi da subito (Unsplash)

In arrivo restrizioni significative per le pubblicità più redditizie di Google: per garantire un’esperienza positiva agli utenti di YouTube, i contenuti di alcuni pubblicitari sulla piattaforma di video streaming dovranno rispettare delle nuove normative che proibiscono inserzioni su politica ed elezioni, gioco d’azzardo, alcool e medicinali che necessitano di prescrizione medica.

La decisione riguarda le pubblicità in testata di YouTube, che appaiono immediatamente sulla homepage della piattaforma. Questi annunci sono tra i più evidenti e profittevoli degli spazi che Google mette a disposizione degli inserzionisti; tuttavia, per assicurare un servizio di qualità agli utenti del sito, dovranno conformarsi alle policy di Google Ads e ai requisiti per gli annunci.

I cambiamenti saranno effettivi fin da subito: Google verificherà tutte le risorse pubblicitarie delle testate YouTube per valutarne la conformità alla nuova normativa, che si aggiunge alle regolamentazione già esistenti. Le limitazioni potrebbero essere più restrittive rispetto a quelle per gli annunci su altri spazi ed altre piattaforme, annuncia la compagnia nel post ufficiale, e ciò significa che alcuni dei contenuti pubblicitari non approvati per le testate di YouTube potrebbero comunque apparire sulle altre piattaforme gestite da Google.

LEGGI ANCHE >>>
 Nascondi foto e video su Pixel: come tenerli lontani da occhi indiscreti

Google limita gli annunci su YouTube: meno profitti, ma anche meno rischi

YouTube annunci pubblicità
(Unsplash)

La verifica di Google, che verrà effettuata di volta in volta, prenderà di mira gli annunci pubblicitari di casinò, giochi online e scommesse, bevande alcoliche, farmaci che richiedono prescrizione medica, ed infine le inserzioni di natura politica. Il rischio di perdita di profitti è alto: solo nell’ultimo trimestre, le inserzioni su YouTube hanno raccolto 6 miliardi di dollari, una cifra non indifferente neanche per i guadagni di Google, che sembra però aver scelto di non correre il rischio di dare maggiore visibilità a contenuti potenzialmente dannosi o controversi per l’enorme pubblico di YouTube.

LEGGI ANCHE >>> Apple Watch 8 alleato della salute: tutte le novità attese sullo smartwatch