WhatsApp e l’app per spiare gli utenti: come funziona e segnalazioni

Diversi utenti hanno segnalato la promozione di WhatsMonitor, app che serve per spiare gli utenti su WhatsApp di cui si conosce il numero

whatsapp
WhatsApp, occhio alla catena che pubblicizza l’app per spiare gli utenti (Getty Images)

L’app di messaggistica numero uno al mondo è sicuramente WhatsApp. Questa permette di svolgere agli utenti una miriade di funzionalità diverse, in continuo aumento grazie agli update che gli sviluppatori rilasciano periodicamente. Ci sono anche altre app esterne che si avvalgono degli strumenti di WhatsApp per offrire qualcosa in più.

A volte, però, capita anche che nascano servizi che vanno ad intaccare la privacy dell’utente. È il caso di WhatsMonitor, ossia un’app che serve fondamentalmente per spirare gli utenti dei quali si conosce il numero di telefono. Alcune attività di questo tipo sono addirittura considerate illegali, in quanto si può sfociare nell’osservazione indiscreta delle conversazioni altrui. Intanto, molti utenti stanno segnalando catene che puntano a diffondere il servizio tra gli utenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Truffa WhatsApp, attenzione al misterioso codice a sei cifre

WhatsApp, app per spiare gli utenti: la catena che punta a diffonderla

whatsapp
Come funziona il servizio esterno (Pixabay)

Il 2021 è appena iniziato, ma diversi utenti stanno già segnalando una catena che punta a diventare virale. Nello specifico, questa pubblicizza WhatsMonitor, un’app che ha come scopo quella di spiare gli utenti di WhatsApp di cui si conosce il numero di telefono. In poche parole, il compito di questo servizio è quello di inviare una notifica ogni qualvolta uno degli utenti “sotto controllo” accede all’app, così da sapere se si è collegato o meno. Con la versione gratuita, è possibile spiare una sola persona, mentre in quella premium non ci sono limiti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Inviare messaggi programmati su WhatsApp è possibile: ecco come

Inoltre, il servizio offre una prova gratuita di 3 giorni, così da capire se vale la pena pagare i 3 euro di canone mensile per usufruirne sempre. Ricordiamo che si tratta di un’azione eticamente sbagliata, giustificabile solo per casi eccezionali come il controllo di un minore.